OSSERVATORIO MADE IN

Giovedì, 27 Giugno, 2019

Lo sviluppo che c'

Notizia del 15/12/2011

Immaginare che la colonna sonora dei nostri giorni sia eseguibile al solo flauto è un’idea del piffero. Ma credere che si debba marciare al ritmo del de profundis è un imbroglio mortifero. L’ottimismo di maniera è un atteggiamento beota, non per questo è intelligente il pessimismo, che ha la sola funzione di azzoppare i nostri punti di forza e fare un regalo ai concorrenti. L’Italia ha problemi grossi, specie nella sua proiezione pubblica, ma anche valori e capacità che sarebbe colpevole dimenticare. A questi vanno dedicate le reclamate misure per lo sviluppo. 

Nei primi otto mesi di quest’anno (non certo uno dei migliori) le esportazioni verso aree extraeuropee sono cresciute del 16,5%. Nel primo semestre siamo stati i migliori d’Europa, battendo la Germania (16,2 contro 14,7). Non lo si dimentichi, anche perché aiuta a capire parte di quel che succede.

Se guardiamo dentro questi dati, disaggregandoli per settori produttivi, al primo posto troviamo quello dell’automazione, meccanica, gomma e plastica, al secondo l’abbigliamento e la moda. Se li disaggreghiamo per distretti industriali e aree geografiche troviamo al primo posto il nord-est e al secondo il centro. Sud e isole realizzano un risultato negativo. Ma se incrociamo la disaggregazione per settore con quella per distretti troviamo al primo posto ancora il nord-est, con un più 25,5 di automazione e meccanica, e al secondo il sud e le isole, con l’hi tech. Sintetizzando: l’Italia delle macchine e dell’innovazione va alla grande, facendo mangiare la polvere ai concorrenti.

In questo vitale tessuto connettivo le grandi aziende sono poche, mentre le cellule più attive sono quelle della piccola e media impresa. Prima o poi dovremo imparare a raccontare in modo diverso il nostro mercato delle idee e dell’innovazione: non è vero che s’investe pochissimo nella ricerca e sviluppo (posto che non è mai abbastanza), ma lo si fa spesso laddove non si contabilizza, dove l’imprenditore, il lavoratore e l’innovatore sono le stesse persone. E dopo esserci raccontati la verità su noi stessi, dovremo fare due cose: a. imparare a farla valere nel mondo; b. imparare a non ammazzarla in casa.

Secondo gli ultimi dati di Unicredit, relativi al 2010, solo il 6,4% delle piccole e medie imprese riesce ad operare all’estero. Le piccole dimensioni non aiutano, specie quando i mercati diventano grandi e richiedono competenze specifiche. L’imprenditore con la valigetta, disposto a girare il mondo con due camicie, è una figura leggendaria, oggi destinata al frequente massacro. Perché questa ricchezza non vada dispersa, o, peggio, ceduta a prezzi stracciati, occorre che si offra uno strumento agile di assistenza all’internazionalizzazione, che non si sostituisca all’imprenditore, ma che lo aiuti a trovare i contatti e a muoversi in un quadro rassicurante. Tutto qui, e non è poco. Ad un mese dalla fine dell’ultima missione di “Italia degli Innovatori”, in Cina, si raccolgono i risultati, e sono lusinghieri. Il rapporto fra il costo e i benefici straordinario. E’ vero che il costume italico naviga fra l’esaltazione maniacale e la depressione clinica, sicché le storie di successo non si raccontano mai, ma questo è un buon esempio, che dovrebbe essere seguito.

Attenti, poi, a quel che facciamo in casa: l’innovazione resterà un sogno, però, se anziché sostenere le aziende le asfissiamo con la mancanza di credito. Le spingeremo non ad espandere il prodotto, ma a vendere il brevetto, impoverendoci tutti. Guai se, per ragioni fiscali e di diritto del lavoro, le incentiveremo a restare piccole, perché la loro legittima aspirazioni deve essere quella di crescere, in Italia e nel mondo. Il tempo dei finanziamenti a pioggia è finito, per nostra fortuna, sebbene nella sfortuna. Ma corriamo all’avvento dello sviluppo, aprendo le porte al tempo della crescita, il che non comporta costi (semmai il contrario), ma richiede l’abbattimento di antichi tabù e il proclamare ad alta voce che crescere è bello, arricchirsi anche, affermarsi nel mondo ancora di più. Queste sono le cose che vorremmo leggere in decreti che puntino a rendere sostenibile il debito pubblico usando lo sviluppo, anziché solo tassando e togliendo.

L’Italia ha una potenza enorme, che i nostri concorrenti conoscono meglio di noi, subendone le conseguenze. Ha anche una micidiale capacità d’impantanarsi nella conservazione. L’Italia che corre c’è. Batta un colpo la politica che arranca.

Fonte: Legnostorto.com

  Versione Stampa   Invia  
Conferenza Nazionale Made in Italy 2019 - Comunicato Stampa
Notizia del 20/06/2019

COMUNICATO STAMPA   Martedì 25 Giugno 2019 alle Ore 10:00 presso la Sala del refettorio, Palazzo San Macuto Roma si terrà la III° ed. Conferenza Nazionale Made in Italy anno 2019.Nella scorsa edizione, tenutasi presso la Biblioteca della Camera dei deputati, sono risultati presenti numerosi parlamentari, stampa nazionale e alcuni rappresentanti di associazioni. Particolarmente importanti la argomentazioni. Dopo il saluto dell’Imprenditore...

 

Check-up aziendali per progetti all'esportazione
Notizia del 19/04/2019

      Check-up aziendali per progetti all'esportazione           L'iniziativa                     Il check-up viene realizzato gratuitamente da Promindustria, perché è event...

 

Intervento del Dott. Nazzareno Vita alla II Commissione Giustizia nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante disposizioni in materia di contrasto della contraffazione e del contrabbando, nonché delega per l'adozione di un testo unico in materia di tutela dei prodotti nazionali e l'istituzione del marchio «100% Made in Italy».
Notizia del 09/04/2019

Sessione della II Commissione Giustizia svolge l’audizione di Mario Libertini, professore emerito di diritto commerciale presso l’Università “La Sapienza” di Roma, e Nazzareno Vita, direttore generale dell’Istituto Tutela Produttori Italiani nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante disposizioni in materia di contrasto della contraffazione e del contrabbando, nonché delega per l'adozione di un testo unico in materia di tutela dei prodotti nazionali e l'istituzione del marchio «100% Made in Italy».   ...

 

TRE PROPOSTE DELL’ ISTITUTO PRESENTATE AL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO NELL'AMBITO DEL TAVOLO CONSULTAZIONE PMI
Notizia del 04/04/2019

TRE PROPOSTE DELL’ ISTITUTO   TUTELA SISTEMA PRODUTTIVO ITALIANO RILANCIO DEL SISTEMA PRODUTTIVO ATTRAVERSO LA RINASCITA DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI NEI CENTRI STORICI TRA OUTLET, PRODOTTI ESCLUSIVI TRADIZIONALI TIPICI, OSPITALITÀ ED HOTEL DIFFUSO TUTELA DEL CONSUMATORE ...

 

Contrasto alla contraffazione e tutela del Made in Italy nell’era digitale
Notizia del 02/04/2019

Contrasto alla contraffazione e tutela del Made in Italy nell’era digitale  Nuova Aula Palazzo dei Gruppi Parlamentari | Via di Campo Marzio 78, Roma Interventi: On. PAXIA Maria Laura - X Commissione Permanente Camera dei Deputati (Attività Produttive, turismo e commercio), Vigilanza Rai, sottocommissione per l'accesso dei servizi radiotelevisivi e prima firmataria della legge sulla contraffazione e il made in italy presso la Camera dei Deputati; DI NATALE Gianfranco - Direttore Generale Confindustria Moda; LUONGO Roberto - Direttore Generale ICE; MI...

 

Made in Italy, confagricoltura: effetti gravi dall’embargo russo
Notizia del 05/03/2019

“Le conseguenze economiche dell’embargo della Russia sulle importazioni di prodotti agricoli e dell’industria alimentare sono molto pesanti per l’Italia. Dall’entrata in vigore del divieto di importazione di molti prodotti agricoli e dell’industria alimentare, il valore annuo delle esportazioni italiane (confronto 2018 su 2013) risulta ridotto di 153 milioni di euro (-22%), dopo aver raggiunto nel 2015 la punta di 324 milioni di euro”. Lo rileva il Centro studi di Confagricoltura nel Rapporto:” Conseguenze economiche dell’emb...

 

Distretti made in Italy, Chanel punta sui leader
Notizia del 26/02/2019

Didier Bonnin Castellarin, alla guida della filiera calzature del gruppo francese, racconta la strategia di integrazione dei fornitori. Obiettivo: il patrimonio artigianale. Dare continuità a un savoir-faire che è da sempre al servizio della creatività. È questo l’obiettivo su cui Chanel investe dal 1985, anno in cui ha avviato acquisizioni che guardano al patrimonio artigianale di realtà d’eccellenza. In questo modo la maison dalla doppia C si assicura buone capacità produttive, rafforzando le sue relazioni su diversi territori. In Italia...

 

Sardegna, pastori in piazza per prezzo del latte: blocchi stradali, assalto a caseificio e il Cagliari Calcio si unisce alla protesta
Notizia del 11/02/2019

Protesta degli allevatori per il prezzo del latte ovino e caprino: chiedono un euro al litro, viene pagato tra i 44 e i 55 centesimi. Un gruppo di allevatori si è presentato davanti ai cancelli del centro sportivo di Assemini: "Non andate a Milano". I calciatori scendono dal pullman e sversano il latte. Bloccate diverse strade statali, autocisterne in viaggio sotto scorta. Vetri rotti nel più grande caseificio della regione. Coldiretti: "Pagati un'elemosina"   Il Cagliari Calcio prima bloccato nel centro di Assemini e poi al fianco dei pastori: con i calciatori che scendono dal pullman e ...

 

SISTEMA PRODUTTIVO RILANCIO DEL MADE IN ITALY NEI CENTRI STORICI TRA OSPITALITA’, DISTRETTI PRODUTTIVI E OUTLET
Notizia del 09/01/2019

SISTEMA PRODUTTIVO RILANCIO DEL MADE IN ITALY NEI CENTRI STORICITRA OSPITALITA’, DISTRETTI PRODUTTIVI E OUTLET ...

 

Da Versace a Candy, le mani estere sul Made in Italy
Notizia del 03/01/2019

Moda, componenti per autoveicoli, elettrodomestici e treni. Il 2018 per i gruppi stranieri è stato un anno di shopping intenso in Italia e nel corso dell'anno è continuata la fuga di marchi del Made in Italy verso l'estero. Versace, Yoox Net-A-Porter e La Perla sono alcuni dei nomi del fashion finiti oltreconfine. Ma gli acquirenti stranieri non si sono fermati alla moda, conquistando società industriali come Italo, Magneti Marelli e Candy. Uno shopping che è testimonianza della qualità delle aziende italiane, dinamiche e innovative. Ma anche dell'assenza di ...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info