OSSERVATORIO MADE IN

Lunedì, 6 Aprile, 2020

Il futuro del made in Italy

Notizia del 17/04/2012

Fuori il diluvio senza sosta, la città bloccata dai sindacati, la borsa in picchiata, lo spread in risalita. Ma venerdì la Luiss sembrava un'enclave felice. L'evento "Fare un'impresa? Non è più un'impresa" è stato pensato e organizzato da una delle menti più dinamiche dell'innovazione italiana a cavallo dell'oceano Atlantico: quel Fernando Napolitano, capo dell'Italian Business  & Investment Initiative, che dai ragazzi "startuppari" ai Ministri è da tutti indicato come il motore del contagioso entusiasmo che si respirava. E così, entrati alla Luiss smettevamo anche metaforicamente di percepire le cateratte d'acqua che ben rappresenta(va)no lo stato d'animo di tanti di noi. 500 persone, tre generazioni, persone di diversa provenienza culturale, sociale, economica e territoriale messi insieme dagli organizzatori tra i quali figurano protagonisti dell'innovazione italiana negli Usa come Baia, Mind the Bridge, Fulbright Best e con l'inevitabile e insostituibile patrocinio dell'ambasciata americana a Roma. 

L'idea, decisamente ambiziosa, è di moltiplicare l'esperienza dei 50 ragazzi italiani che grazie al programma Fulbright sono andati negli ultimi quattro anni a ca(r)pire il segreto del successo della Silicon Valley, e mandarne mille nei prossimi tre anni per aumentare il numero di  aziende (oggi 26) nate da questo programma, anche grazie all'incentivo alle Regioni italiane ad usare i fondi strutturali come hanno saputo ben fare in quest'ambito Toscana ed Emilia Romagna. Nel frattempo continuano a partire giovani (esistono gymnasium e startup school italiane talmente vincenti che stanno diventando un modello per imprenditori e istituzioni di altri Paesi che vogliono fare lo stesso), per mettere insieme creatività e talento italiani con l'ecosistema vincente americano, in cui il venture capital dà vita al 3% del Pil, mentre in Europa cuba 1/5 ma è in crescita. L'ambasciatore David Thorne ha ricordato che ogni anno Stanford e Mit ricevono 60 milioni di dollari di royalties da progetti nati da loro spin-off, o comunque al loro interno. Per l'Italia siamo invece molto indietro, nonostante la grande spinta che viene da chi opera nel settore con caparbietà e passione. 

Che dicono i ministri? Il ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, è partito malissimo, parlando di quanto siano importanti le startup per alleggerire il disagio occupazionale, per poi passare alla litania dei cassintegrati, della sottoccupazione, del precariato e della flessibilità non buona. Prima che partisse una salva di fischi, per fortuna, è finito il "de lamentatione", e il ministro ha fatto suo il concetto magico già enunciato dal rettore di Harvard, Larry Summers, nel film "The social network" (chissà se il Ministro conosceva la citazione?): il lavoro si crea. Da lì Passera ha detto le cose giuste: l'innovazione imprenditoriale è nel dna dell'Italia, la tecnologia abbassa la barriera all'entrata, il rischio che può portare all'insuccesso è parte del gioco ma deve voler dire esperienza e non punizione, e dobbiamo capirlo e cambiare culturalmente, ideologicamente e normativamente. Lì confessiamo di aver sospirato pensando al video di Obama che mostra solo il tiro a canestro vincente, omettendo i 4 precedenti tentativi andati a vuoto. Il ministro Passera ha enunciato i due progetti che il Governo sta preparando per prima dell'estate: il primo è l'Agenda Digitale, al quale sta lavorando un team di esperti del settore. Il secondo è il decreto StartupItalia, che dovrebbe toccare aspetti normativi, amministrativi e fiscali. Son cose sentite in passato anche da altri, ma ciò non può costituire motivo per diffidare: le premesse ci sono, le necessità anche, e come diceva Oscar Wilde, bisogna essere preparati anche alla felicità. Attendiamo fiduciosi, ma guardinghi.

Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi di Sant'Agata ha portato la voce della Farnesina, che egli ritiene ministero centrale per sviluppo e crescita. Spiegando che una recente ricerca di Kpmg sostiene che il Made in Italy sia il terzo marchio al mondo dopo la Coca Cola e la Visa, ci ha deliziato citando Einaudi e il suo «Trial and error: la possibilità di tentare e di sbagliare è la caratteristica dei regimi liberi», e ricordando che nella Roma post-diocleziana l'abbandono della spinta innovativa fu in parte motivo del declino dell'Impero romano. Terzi è stato ambasciatore a Washington e conosce bene quanto di buono è venuto, viene e può venire dal ponte imprenditoriale e culturale fra Italia e Stati Uniti: anche per questo sarà bene sfruttare come si deve l'anno della cultura Italiana negli Usa, nel 2013.

Poi è stata la volta del ministro del Turismo, Piero Gnudi. Ci siamo un po' scoraggiati a sentirgli parlare di "incubatoi" invece di "incubatori", ma ci siamo consolati pensando alle infime possibilità che un qualsiasi precedente ministro del Turismo sapesse almeno cosa sono e cosa fanno, gli incubatori d'impresa. Gnudi è cosciente delle enormi opportunità del suo settore di competenza in Italia: si dice che negli ultimi 10 anni il turismo mondiale sia raddoppiato e altrettanto farà nei prossimi 10, va dunque intercettata grande parte di questa crescita da qui in avanti recuperando anche quello che ci siamo colpevolmente persi nel recente passato.

E poi è arrivata la volta del ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Francesco Profumo. Già rettore della più innovativa Università italiana, il Politecnico di Torino, Profumo ci ha rapito il cuore raccontando a braccio la storia di Loris Degioanni, studente italiano che ha imparato merito, coraggio e approccio imprenditoriale grazie al suo talento, ai suoi professori italiani e al suo mentore italoamericano John Bruno alla University of California di Davis. Chi bazzica il mondo dell'innovazione aspettava con ansia che un ministro fosse anche solo interessato a sentirsi raccontare storie come quelle di Loris, una delle diverse eccellenze di successo italiane nel mondo: vederne uno accalorarsi nel narrare a memoria questa vicenda, emozionarsi per ciò che significa, e usare quella come suo intervento presso centinaia di ragazzi, ai quali avrebbe potuto leggere un compitino scritto dal suo portavoce, è stato liberatorio e ci ha persino ridato un po' di speranza per questo Paese. Se non bastasse, rivolgendosi ai più alti vertici delle più importanti aziende italiane in prima fila ad ascoltarlo, Profumo ha rivolto un appello a destinare una piccola parte dei loro budget al fine di dare indicazioni alle nuove startup italiane circa i prodotti innovativi che ad essi possano servire, per "commissionare" un pezzo di futuro delle grandi aziende stimolando - e retribuendo - la giovane creatività italiana delle startup senza abbandonarsi alla solita gara al ribasso.

Finito l'evento siamo usciti e abbiamo ritrovato il diluvio, un ulteriore aumento delle accise sulla benzina, il crollo della produzione industriale e l'ennesimo suicidio di un imprenditore azzannato dal fisco e dalla "sanzione morale". Non può piovere per sempre, diceva il protagonista di un film di successo degli anni '90: e noi ci vogliamo credere. Senza dimenticare che, dopo averlo detto, l'attore protagonista del film morì per un proiettile vero finito accidentalmente nella pistola di scena.

Fonte: Opinione.it

  Versione Stampa   Invia  
Proposte Istituto Tutela Produttori Italiani per il Prossimo decreto attività economiche
Notizia del 20/03/2020

Fermo, 20 Marzo 2020 Oggetto: Proposte Istituto Tutela Produttori Italiani Riferimento: Prossimo decreto attività economiche Erg Onorevoli   in vista del prossimo decreto a sostegno delle attività economiche ci permettiamo di allegarvi il Manifesto del Made in Italy già redatto nel 2018 e il Manifesto dei Produttori Italiani elaborato dopo l'avvento del COVID-19. Auspichiamo vogliate tenere in considerazione il contributo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani i...

 

Nasce L'ITALIANO - The Gourmet Club
Notizia del 16/03/2020

            Nasce L'ITALIANO - The Gourmet Club Un multiservice per l'esportazione agroalimentare Italiano: Sistema che coniuga la vendita B2B, B2C e presenza alle maggiori manifestazioni fieristiche internazionali del food. Ci sono alcune prerogative assolute, i prodotti agroalimentari devono essere tutti interamente italiani e lavorati interamente in Italia. Sono ammesse materie prime estere di qualit&agrav...

 

La Via della Scarpa
Notizia del 24/01/2020

...

 

Coldiretti Puglia, bene sostegno olio 100% Made in Italy nella grande distrubizione
Notizia del 22/01/2020

Commento di Coldiretti Puglia alla decisione del patron del Gruppo Megamark Giovanni Pomarico di sostenere l’economia olivicola pugliese e del Sud. Apprezzamento per la scelta del Gruppo Megamark di sospendere nelle catene di supermercati DOK e Famila le promozioni dell’olio comunitario, per sostenere le vendite dell’olio extravergine di oliva italiano attraverso un battage comunicazionale forte. E’ il commento di Coldiretti Puglia alla decisione del patron del Gruppo Megamark Giovanni Pomarico di sostenere l’economia olivicola pugliese e del Sud. “E&rsquo...

 

Nasce ITALIA IMBOTTITI Governance Club
Notizia del 09/12/2019

Lugo, li 4 Dicembre 2019 Sette Imprese Fondano ITALIA IMBOTTITI Governance Club , Organizzazione per la Garanzia e la Promozione delle Imprese che realizzano Imbottiti di Qualità 100% Italiani Certificati “Made in Italy” Le Aziende Fondatrici sono: Minardi Piume, Pi-Ume, Nuova Ume Veneto, R.F Resina Forlivese, Mondo Espansi, Euroresine 2000, Brighi Tecnologie Italia con l’Affiancamento dell’Istituto Tutela Produttori Italiani.Il board dell’ organiz­zazione risulta così composto:Presidente> Luigi Cassigoli Vice Presidente> Riccardo ValliCo...

 

AVVENTO DEL NUOVO PROGETTO - CESTI.ORG
Notizia del 25/11/2019

Vi comunichiamo l'avvento di un nuovo progettoStiamo realizzando un nuovo canale distributivo dei pacchi dono, oggi Natale poi anche per Pasqua e regali aziendali. Da quest'anno c'è questa possibilità: Nasce cesti.OrgIniziativa Dei Produttori italiani per valorizzare le eccellenze agroalimentari italiane. Questa iniziativa si caratterizza per il fatto che i prodotti e le materie prime debbono essere eclusivamente ed interamente italiane.Prodotti Selezionati, unici, esclusivi particolari e tracciati, quindi con la piena garanzia dell'origine ma anche della qualità.Mangiar...

 

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019
Notizia del 19/11/2019

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019  Partirà il giorno sabato 17 Novembre la missione di 3 giorni dei produttori italiani con destinazione Dubai, Emirati Arabi Uniti. Questi i numeri e la tendenza del mercato Emiratino: Gli Emirati Arabi Uniti nel 2018 sono stati il ventunesimo mercato di sbocco per le vendite italiane di merci (il primo nella regione del Medio Oriente). Il PIL nominale a prezzi correnti del paese si posiziona al secondo posto nell’area del Golfo , dopo l’Arabia Saudita, con un valore stimato di circa 433 mld US$ nel 2018 e ulterio...

 

La ditta di ceramica spostata in Armenia, ma gli 11 dipendenti se la comprano ed è un successo
Notizia del 19/11/2019

Città di Castello, i lavoratori che erano stati licenziati rilevano macchinari e affittano la sede con i soldi del Tfr: riconquistati i vecchi clienti e i conti vanno a gonfie vele Il marchio della nuova fabbrica se lo portano dietro ovunque con tanto di slogan «Tutti per uno, un sogno per tutti». «Ce lo siamo tatuato sul braccio — racconta con un sorriso Chiara Bastianelli, 37 anni, decoratrice — perché è il simbolo della nostra rinascita e del lavoro che adesso nessuno ci potrà più togliere». Già, perché un...

 

Scarpe di seta e fibra di ortica
Notizia del 29/10/2019

di Gunter Pauli – Le vendite globali di calzature al dettaglio hanno raggiunto i 300 miliardi. La forte domanda dei mercati emergenti in Asia e America Latina ha spinto il tasso di crescita oltre il 6% annuo. Si vendono più di 15 miliardi di paia di scarpe e il numero totale di scarpe vendute è aumentato di 2 miliardi di paia negli ultimi cinque anni e il mercato non accenna a diminuire. C’è anche da dire che il settore delle calzature è una delle industrie più globalizzate. Nel caso del Nord America, per esempio, il 96% di tutte le calzatur...

 

Missione Produttori Italiani a New York - 21\25 Ottobre 2019
Notizia del 22/10/2019

È partita il giorno sabato 21 Ottobre la missione di 4 giorni dei produttori italiani con destinazione N. Y. USA Sono previsti incontri con distributori di :- abbigliamento e accessori moda(5)-calzature (3)-settore cosmesi (3)- agroalimentare (4) La missione è diretta a verificare l'interesse degli addetti commerciali per le creazioni dei marchi (24) che verranno presentati. Lo step successivo è quello di portare i Clienti in Italia per un incontro con i produttori con la prospettiva di visite individuali nelle Aziende con concrete prospettive di campionature e/ tester ...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info