OSSERVATORIO MADE IN

Domenica, 18 Novembre, 2018

PIANO NAZIONALE ANTICONTRAFFAZIONE: TUTELA DEL MADE IN ITALY

Notizia del 23/11/2012

Il tema della protezione delle produzioni italiane di qualità è strettamente correlato a quello
della lotta alla contraffazione, tanto che si potrebbe dire che la più autentica ed efficace difesa
dei prodotti “Made in Italy” è proprio costituita dall’innalzamento del livello di protezione contro
la contraffazione di marchi, brevetti, design, diritto d’autore e denominazioni d’origine protette.  
 
Anche per gli interventi più propriamente diretti a contrastare l’inganno del pubblico derivante
dall’impiego improprio di indicazioni che rivendicano un’origine italiana a prodotti che non
hanno i requisiti per vantarla – che al pari della  contraffazione penalizzano gravemente
l’industria manifatturiera del nostro Paese che già soffre per la concorrenza spesso sleale di
prodotti provenienti da Paesi emergenti e in particolare per le varie forme di parassitismo che
ad essa si accompagnano – è assolutamente indispensabile un'attività rigorosa di
coordinamento, impulso e revisione.
 
Negli ultimi anni, infatti, si è assistito a un proliferare di iniziative in materia, spesso nate sotto
la pressione di esigenze contingenti e prive di un  disegno unitario, che si sono purtroppo
caratterizzate per una disorganicità almeno pari alle buone intenzioni che stavano alla base di
esse, tanto più in quanto non si è tenuto sufficientemente in conto il fatto che la materia è già
in parte disciplinata da una fonte sovraordinata al nostro diritto nazionale, e segnatamente dal
Codice Doganale Comunitario, che prevede che i prodotti che hanno subito lavorazioni in Paesi
diversi debbano ritenersi originari dell’ultimo Paese in cui hanno subito una trasformazione
sostanziale: il che comporta tra l’altro per la nostra autorità giudiziaria la necessità di
disapplicare eventuali disposizioni in contrasto, stante il noto principio della prevalenza delle
norme comunitarie su quelle interne difformi, anche successive.  
 
Ciò non ha giovato alla chiarezza della disciplina e alla certezza del diritto, necessarie in tutti i
campi ma specialmente in relazione a norme sanzionatici penali o che comunque prevedono
l’applicazione di sanzioni amministrative di tipo affittivo: e paradossalmente ha “reso la vita più
difficile” proprio alle imprese italiane oneste, alle quali ha imposto oneri e spesso impossibile di
difficile attuazione, lasciando al contempo larghe maglie attraverso le quali ha avuto buon
gioco ad infilarsi chi vive invece ai margini e oltre i margini della legalità.
 
La tutela delle imprese e dei consumatori contro l’uso di indicazioni idonee ad ingannare il
pubblico in relazione a caratteristiche rilevanti dei prodotti o dei servizi per i quali esse
vengono usate, e il correlativo approfittamento parassitario della meritata fama di qualità di cui
beneficia in molti settori la nostra industria manifatturiera, richiedono invece una disciplina il
più possibile semplice e chiara, fondata su prescrizioni generali valide per tutte le fattispecie,
conformemente ai principî stabiliti dal legislatore comunitario e nel rigoroso rispetto del
principio costituzionale di eguaglianza; specialmente in materia di origine dei prodotti le
disposizioni adottate dal legislatore interno devono quindi rispettare il divieto d’introdurre
misure di effetto equivalente a restrizioni quantitative, vietate dall’art. 28 (30) Trattato C.E. e
seguire rigorosamente il sistema di comunicazione anticipata obbligatoria alla Commissione
Europea previsto per le normative di natura tecnica previsto dal la Direttiva n. 98/34/CE, e ciò
anche per prevenire il rischio di nuove procedure d’infrazione contro il nostro Paese.  
 
La censura espressa ad opera della Commissione Europea subita proprio per questo dal più
recente di questi interventi (la legge n. 55/2010,  di cui il Governo ha perciò sospeso
l’applicazione alla vigilia della sua entrata in vigore, con una Direttiva rivolta alle Pubbliche
Amministrazioni competenti) ha infatti certamente contribuito ad indebolire la nostra posizione
in sede comunitaria, e non è verosimilmente estranea neppure al recentissimo stralcio della
proposta di un Regolamento comunitario sull’etichettatura d’origine obbligatoria per certe
categorie di prodotti provenienti da Paesi esterni all’Unione Europea, proposta che presentava
peraltro anche di per sé varie criticità, soprattutto per la scelta di seguire un “criterio di
origine” diversificato per talune specifiche categorie merceologiche.
 È dunque necessario e indifferibile mettere al più  presto in cantiere la semplificazione e il
riallineamento al diritto comunitario della nostra normativa interna in materia, come premessa
indispensabile per riprendere con maggiori prospettive di successo la battaglia per ottenere il
varo di una norma europea di portata generale e di applicazione il più possibile agevole che
renda obbligatoria l’etichettatura di origine, in entrata e in uscita dal territorio doganale
comunitario, come dal resto già è previsto in altri Paesi come gli Stati Uniti.   
 
In pari tempo però occorre acquisire la consapevolezza del fatto che non è tanto sul mercato
nazionale, quanto su quelli stranieri che occorre difendere con maggior vigore il valore
aggiunto che la “qualità italiana” rappresenta per  i consumatori e che quindi in attesa di un
intervento auspicato del legislatore comunitario ci si deve valere degli strumenti giuridici già
oggi esistenti.
 
  In questo senso appare senz’altro da sostenere e incentivare l’istituzione di
marchi collettivi, conseguibili a livello nazionale, comunitario e internazionale,
idonei a far meglio percepire e valorizzare al pubblico la qualità dei nostri prodotti
e il valore aggiunto che essa rappresenta, anche attraverso adeguate campagne
di comunicazione.
Questo strumento, volontario e quindi agevolmente implementabile, pienamente compatibile
col diritto comunitario (che prevede già l’istituto) in quanto venga utilizzato in relazione ad una
qualità obiettiva garantita e controllata, agile e snello e perciò adattabile alle diverse esigenze
delle diverse categorie merceologiche, servirebbe infatti a rendere percepibile la differenza  tra
veri e falsi prodotti “Italian sounding” al pubblico, soprattutto straniero (ma anche italiano) che
già apprezza l’origine italiana delle merci, ma spesso non li sa distinguere; e in pari tempo
contribuirebbe anche a una nuova “Cultura del Made in Italy”, diffondendo la conoscenza delle
qualità obiettive della nostra produzione, spesso oggetto di un generico apprezzamento non
accompagnato però dalla conoscenza effettiva dei veri plus di questa produzione.
 
Ciò renderebbe più agevole anche la penetrazione dei nostri prodotti sui nuovi mercati che la
globalizzazione dell’economia e il miglioramento delle condizioni di vita anche in aree del
mondo che ancora pochi anni fa sembravano incapaci  di uscire da una condizione di
sottosviluppo sta aprendo, e sui quali solo la formazione di “consumatori consapevoli” potrà
consentire al nostro Paese di competere col successo che merita.
 
  Il Consiglio ritiene strategico anche in materia di tutela del Made in Italy e della
lotta alla contraffazione una sinergia con la Nuova Agenzia ICE, così come il
supporto attivo ad ogni iniziativa volta al riconoscimento del  made in Italy e
comunque delle indicazioni di provenienza nelle opportune sedi a livello europeo
e internazionale

 

FONTE: CNAC.GOV.IT

  Versione Stampa   Invia  
Missione Esplorativa Paesi Scandinavi
Notizia del 07/11/2018

Siamo di rientro da un missione esplorativa nei Paesi Scandinavi Paesi entro i primi 10 al mondo per tenore di vita I Paesi Scandinavi come tutti hanno merci in abbondanza Viene confermato il Trend di recettività verso i prodotti bio/eco/ecosostenibili. Ancor più forte il messaggio che viene inviato dalla distribuzione in ordine alla estrema necessità di presentare prodotti unici esclusivi particolari ancor più leader assoluti in specificità del proprio pro...

 

In Nord Africa usano il grano siciliano senza glifosato. E noi mangiamo quello che arriva con le navi!
Notizia del 15/10/2018

Chiacchierando con un agricoltore di Ramacca che produce grano duro sull’attuale annata (pessima), accertiamo che i governi dei Paesi del Nord Africa importano il grano duro siciliano. Ma prima di farlo arrivare nei propri Paesi mandano gli ispettori nei porti siciliani per controllare la salubrità del grano. Noi, in Sicilia, facciamo arrivare tutte le navi del mondo e ci mangiamo il grano senza alcun controllo preventivo! Nel Nord Africa mangiano il grano duro siciliano e quello p...

 

Manifesto del Made in Italy
Notizia del 04/10/2018

In data 02/10/2018 L'Istituto Tutela Produttori Italiani pubblica il Manifesto del Made in Italy   MANIFESTO DEL MADE IN ITALY 1- Il Made in Italy è il prodotto realizzato in Italia 2- Marchio Made in Italy è di proprietà dello Stato Italiano, il cui uso viene concesso esclusivamente alle Imprese che realizzano il prodotto interamente in Italia. La gestione della concessione e del controllo del marchio deve essere data a Consorzi Nazionali di Garanzia eo Istituti di Tutela. 3- Il Certificato di Origine Made in Italy è rilasciato dalle Camere di commercio ...

 

Respinte 5 mila tonnellate di grano: la nave non passa i controlli sanitari
Notizia del 01/10/2018

È successo questa mattina in Sicilia, nel Porto di Pozzallo. Arrivata la nave carica, sono state respinte 5 mila tonnellate di grano. Prima i controlli dei tecnici, poi la respinta. Le condizioni della semente non sono piaciute, la nave torna indietro. Ma cosa è successo di preciso? È arrivata stamattina nel Porto di Pozzallo, Sicilia, una nave carica di 5 mila tonnellate di grano duro, proveniente dal Kazakistan. L’assessore regionale all’Agricoltura, Edy Bandiera, ha disposto i controlli immediati. Sul posto sono accorsi gli uomini dei Carabinieri...

 

Finanziare la ricerca con il crowdfunding
Notizia del 21/09/2018

La ricerca scientifica è dove riponiamo le nostre speranze di un futuro migliore, ed è forse la chiave di volta che può aiutare l’umanità a risolvere gli innumerevoli problemi che ancora la assillano. Ma la ricerca scientifica costa, i governi più illuminati investono in ricerca, sapendo che sono sempre state le innovazioni a guidare il mondo e i grandi cambiamenti. Ma oggi non sono solo i governi e gli stati che sono chiamati a dare il loro contributo. Possiamo farlo anche noi, semplici cittadini di un mondo super-globalizzato. Come? Con il crowdfun...

 

Aste al doppio ribasso, ecco come i discount strozzano l'agricoltura italiana
Notizia del 23/08/2018

L'associazione Terra! Onlus e la Flai-Cgil lanciano l'allarme sulla speculazione nel mondo agricolo, oltre 400 mila i lavoratori sfruttati Dopo la strage di Foggia il mondo dell'agricoltura italiana si ribella allo sfruttamento dei lavoratori e al sistema delle aste on line al doppio ribasso, speculazione per abbassare il costo dei prodotti agricoli. Un allarme che riguarda oltre 400 mila lavoratori, sfruttati dalle pratiche commerciali sleali che fanno il gioco delle grandi aziende di distribuzione. Abbassare i costi di produzione per diminuire quelli di vendita, una pratica che fomenta l'u...

 

Marchionne è in fin di vita
Notizia del 23/07/2018

L'1 giugno, a Balocco, alla presentazione del piano industriale di Fca, Sergio Marchionne era visibilmente affaticato e con addosso parecchi chili in più. «Il dottore ha smesso di fumare e gli deve essere venuto più appetito», scherzava uno del suo entouarage. Anche la cravatta, maldestramente annodata sotto la felpa scura a zip, dava l'idea che qualcosa non andava. Eppure per l'ad di Fca quello sarebbe dovuto essere un giorno di festa: la cravatta, infatti, stava a significare che il debito del gruppo era stato azzerato in anticipo. «Non indosso cravatte da un...

 

La Sicilia si mobilita contro le Multinazionali e pianta il grano antico
Notizia del 11/07/2018

La Sicilia si mobilita contro le Multinazionali e pianta il grano antico La rivoluzione dei contadini siciliani: 3.000 ettari di grani antichi contro le multinazionali. Il ritorno della biodiversità in agricoltura, parte dalle spighe del frumento locale. Per migliorare l’ambiente, l’alimentazione e la salute. Pane e pasta fatti con questi grani hanno tutt’altro sapore ed un profumo che non vi permettono più di tornare alla pasta del supermercato fatta con grano OGM. Che è anche il motivo per cui la Celiachia ormai ce l’hanno in tanti e pure l&rsqu...

 

Forniture alla Pubblica Amministrazione
Notizia del 06/07/2018

Riferimento: Prodotti Made in Italy Oggetto: Forniture alla Pubblica Amministrazione Egregio Funzionario  con la presente intendiamo porre l'attenzione sulle forniture alla Pubblica Amministrazione. Le forniture alla Pubblica Amministrazione costituiscono un consistente volume di affari nell'ambito del quale i Produttori Italiani sono quasi completamente esclusi. Ciò, oltre che  a privare i Produttori Italiani Italiane di un  prospettiva di lavoro, fa in modo che la pubblica amministrazione favorisca le imprese estere. Con l'uso delle merci estere si svi...

 

Riso, pasta, latte, pomodoro: cosa è obbligatorio scrivere sull’etichetta
Notizia del 05/07/2018

Novantasei consumatori su cento vorrebbero conoscere l’origine della materia prima di un prodotto alimentare, prima di acquistarlo. Per questo, l’anno scorso, i nostri ministeri dell’Agricoltura e dello Sviluppo Economico hanno finalmente deciso che a partire dal 2018, i produttori degli alimenti base più consumati sono obbligati a scrivere sull’etichetta se la materia prima è stata prodotta in Italia, oppure importata dal mercato interno europeo, o da quello extracomunitario. Oggi quindi i consumatori italiani, al supermercato, possono leggere da dove arr...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info