OSSERVATORIO MADE IN

Sabato, 7 Dicembre, 2019

Il made in Italy delle Pmi seduce e dall

Notizia del 01/07/2015

NEL 2014 I FINANZIAMENTI STRANIERI NEL PAESE SONO CRESCIUTI DEL 31 PER CENTO PERMETTENDO ALL’ITALIA DI RISALIRE AL 12° POSTO TUTTO MERITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E DEL LORO KNOW HOW Giovanni Marabelli Milano L’ Italia sta iniziando a recuperare il proprio appeal tra gli investitori internazionali. Benché l’inversione di tendenza registrata negli ultimi mesi sia ancora nella fase iniziale, e i livelli pre—crisi decisamente lontani, le premesse per attirare flussi d’investimento dall’estero, realizzare progetti, creare occupazione si stanno definendo.

Lo dimostra il combinato disposto di alcune ricerche sfornate di recente da primari centri di analisi economica: dal “The fDi Report” (prodotto da “ fDi Intelligence”, la divisione del “Financial Times” dedicata agli investimenti internazionali) al “The Fdi Confidence Index” della società di consulenza A.T.Kearney, passando per “Italia multinazionale” dell’Ice, l’agenzia governativa per l’internazionalizzazione. Nel 2014, secondo l’annuale rapporto della “fDi Intelligence”, gli investimenti internazionali mirati a iniziative “ex novo” (i cosiddetti “greenfield”, quelli a maggior valore aggiunto per il sistema Paese) sono rallentati bruscamente, segnando un risicato +1 per cento, dopo la precedente crescita a due cifre.

L’Europa, nella quale l’indagine include anche Russia e Turchia, è andata addirittura in rosso, con un calo del 6 per cento tanto in valore di capitali investiti quanto in numero di progetti avviati. Una tendenza che, fortunatamente, non accomuna l’Italia al resto del continente. Nel nostro Paese sono affluiti dall’estero circa 5 miliardi di dollari per avviare 101 progetti, il 31 per cento in più del 2013, contro un calo medio continentale del 17 per cento. Quanto agli altri principali Paesi della Ue, 909 sono i progetti finanziati da investitori esteri nel Regno Unito (con 35 miliardi di dollari di capitali investiti), 378 in Germania (7 mdl), 252 in Spagna (9 mld), 237 in Francia (6 mld).

I tradizionali concorrenti dell’Italia, quindi, rimangono lontani ma il dato positivo (benché distante anni luce dagli oltre 250 progetti “greenfield” da fondi esteri del 2008) relativo a investimenti per finanziare nuove iniziative è molto significativo e testimonia della “luna di miele” in corso tra Italia e investitori internazionali.

A suffragare questa tesi arrivano i numeri di “Italia Multinazionale”, secondo cui la grande fuga è finita e dal 2013 il nostro Paese sta tornando gradualmente sui radar degli investitori esteri, con una progressione degli investimenti provenienti da oltre confine del 9 per cento (dopo un declino nell’anno precedente pari al 22 per cento) e la previsione di “una forte accelerazione” nei prossimi anni. Tale da ridurre l’attuale, consistente, differenza nel rapporto investimenti diretti esteri/prodotto interno lordo che in Italia viaggia intorno alla metà della media europea.

E anche il gap tra investimenti italiani in uscita e in entrata. Secondo dati Ice—Politecnico di Milano, lo stock di investimenti diretti in uscita dal nostro Paese è pari al 28,9 per cento del Pil, quello in entrata al 19,5 per cento. Con 1,5 milioni di dipendenti di società estere che fanno capo a gruppi italiani contro 915mila che lavorano in Italia in partecipate straniere. E 587 mld di fatturato a fronte di 497. L’ottimismo appare non infondato. Lo “certifica” la 15esima edizione, datata 2015, del “Fdi Confidence Index”, che misura il grado di attrazione esercitata da un Paese sulla comunità degli investitori e dei decision maker internazionali e redige una classifica dei primi 25 Stati al mondo per attrattività economica. Nell’ultimo anno l’Italia ha bruciato le tappe, passando dal 20esimo al 12esimo posto.

Appena due anni fa, nel 2013, non rientrava nemmeno tra le eccellenze della graduatoria, un’esclusione che durava senza soluzione di continuità dal 2007. La classifica è guidata dagli Usa, seguiti da Cina e Regno Unito (che nel 2013 era solo ottavo) e poi, nell’ordine, Canada, Germania, Brasile, Giappone, Francia, Messico, Australia, India e, appunto, Italia. I Paesi europei negli ultimi due anni hanno generalmente migliorato di molto la loro posizione: il livello di interesse per il Vecchio Continente, spiegano gli analisti di A.T.Kearney, è senza precedenti da molti anni a questa parte e la loro quota nell’Indice è aumentata dal 40 al 60 per cento negli ultimi 12 mesi.

La stabilità politico—economica, in un periodo dominato in maniera crescente da incertezza e volatilità, rappresenta il traino principale di questo rinnovato interesse ma anche la politica espansiva della Banca centrale europea sta svolgendo un ruolo molto significativo. La concorrenza, insomma, si fa sempre più spietata anche in Europa. E sarebbe necessario che l’intero sistema Paese, senza differenze tra pubblico e privato, scendesse in campo per evidenziare i tanti punti di forza dell’Italia. Una strategia già avviata dall’Aifi (Associazione italiana dei fondi di private equity, venture capital e private debt) che da Londra ha cominciato una sorta di tour per sensibilizzare ulteriormente gli investitori stranieri. I dati del 2014, infatti, dimostrano che anche su questo fronte lo scorso anno ha rappresentato il giro di boa.

Da una indagine condotta da PwC per Aifi risulta che nel 2014 i fondi di private equity hanno complessivamente investito nel sistema economico italiano 3,53 mld di euro, contro i 3,43 mld del 2014. Ma a fare la differenza sono proprio le risorse arrivate dai fondi internazionali: 1,9 mld, in aumento del 39 per cento rispetto agli 1,37 mld del 2013, vale a dire il 53,8 per cento del totale contro il 40 per cento dell’anno scorso. E la novità è rappresentata dall’interesse che, i casi di cronaca sono numerosi, la platea degli investitori internazionali sta dedicando a una delle specificità vincenti del made in Italy: le micro, piccole e medie imprese.

Un coinvolgimento delle Mpmi nel processo di internazionalizzazione del sistema Paese sottolineato anche in “Italia multinazionale” Lo slogan “Piccolo è bello” sembra tornare di moda. Sono proprio le Pmi simbolo del “made in Italy” le più corteggiate dai fondi di investimento stranieri che sono tornati a puntare i radar sul Paese

  Versione Stampa   Invia  
AVVENTO DEL NUOVO PROGETTO - CESTI.ORG
Notizia del 25/11/2019

Vi comunichiamo l'avvento di un nuovo progettoStiamo realizzando un nuovo canale distributivo dei pacchi dono, oggi Natale poi anche per Pasqua e regali aziendali. Da quest'anno c'è questa possibilità: Nasce cesti.OrgIniziativa Dei Produttori italiani per valorizzare le eccellenze agroalimentari italiane. Questa iniziativa si caratterizza per il fatto che i prodotti e le materie prime debbono essere eclusivamente ed interamente italiane.Prodotti Selezionati, unici, esclusivi part...

 

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019
Notizia del 19/11/2019

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019  Partirà il giorno sabato 17 Novembre la missione di 3 giorni dei produttori italiani con destinazione Dubai, Emirati Arabi Uniti. Questi i numeri e la tendenza del mercato Emiratino: Gli Emirati Arabi Uniti nel 2018 sono stati il ventunesimo mercato di sbocco per le vendite italiane di merci (il primo nella regione del Medio Oriente). Il PIL nominale a prezzi correnti del paese si posiziona al secondo posto nell’area...

 

La ditta di ceramica spostata in Armenia, ma gli 11 dipendenti se la comprano ed è un successo
Notizia del 19/11/2019

Città di Castello, i lavoratori che erano stati licenziati rilevano macchinari e affittano la sede con i soldi del Tfr: riconquistati i vecchi clienti e i conti vanno a gonfie vele Il marchio della nuova fabbrica se lo portano dietro ovunque con tanto di slogan «Tutti per uno, un sogno per tutti». «Ce lo siamo tatuato sul braccio — racconta con un sorriso Chiara Bastianelli, 37 anni, decoratrice — perché è il simbolo della nostra rinascita e del lavoro che adesso nessuno ci potrà più togliere». Già, perché un...

 

Scarpe di seta e fibra di ortica
Notizia del 29/10/2019

di Gunter Pauli – Le vendite globali di calzature al dettaglio hanno raggiunto i 300 miliardi. La forte domanda dei mercati emergenti in Asia e America Latina ha spinto il tasso di crescita oltre il 6% annuo. Si vendono più di 15 miliardi di paia di scarpe e il numero totale di scarpe vendute è aumentato di 2 miliardi di paia negli ultimi cinque anni e il mercato non accenna a diminuire. C’è anche da dire che il settore delle calzature è una delle industrie più globalizzate. Nel caso del Nord America, per esempio, il 96% di tutte le calzatur...

 

Missione Produttori Italiani a New York - 21\25 Ottobre 2019
Notizia del 22/10/2019

È partita il giorno sabato 21 Ottobre la missione di 4 giorni dei produttori italiani con destinazione N. Y. USA Sono previsti incontri con distributori di :- abbigliamento e accessori moda(5)-calzature (3)-settore cosmesi (3)- agroalimentare (4) La missione è diretta a verificare l'interesse degli addetti commerciali per le creazioni dei marchi (24) che verranno presentati. Lo step successivo è quello di portare i Clienti in Italia per un incontro con i produttori con la prospettiva di visite individuali nelle Aziende con concrete prospettive di campionature e/ tester ...

 

Centri storici italiani
Notizia del 11/09/2019

Questo è quello che dovrebbe avvenire nei centri storici italianiavremo mai La fortuna di trovare qualche politico lungimirante che sposa il rilancio ristrutturazione dei centri storici italiani.Che la fortuna ci assista" ...

 

Proposte dell'Istituto Tutela Produttori Italiani ,Rif: Incontro al Viminale del 15 Luglio 2019
Notizia del 25/07/2019

Egregio Ministro Salvini, come sollecitato nella riunione al Viminale del 15/07/2019 ci apprestiamo ad inoltrarLe le 5 proposte dell’Istituto. Gli obiettivi delle proposte sono: Determinare un rafforzamento della tutela del Made in Italy. Il rilancio delle economie locali con la ristrutturazione dei centri storici e con una diversa visibilità dei distretti produttivi. L’ammodernamento e una diversa e più efficiente funzionalità dei mezzi di trasferimento delle persone. Sul nostro sito ufficiale sarà nostra cura inserire gli approfondimenti a suff...

 

Elaborato Centro Studi sulla detassazione, decontribuzione e sburocratizzazione in Riferimento alla Convocazione delle parti sociali
Notizia del 25/07/2019

Elaborato Centro Studi sulla detassazione, decontribuzione e sburocratizzazione in Riferimento alla Convocazione delle parti sociali ...

 

Conferenza Nazionale Made in Italy 2019 - Comunicato Stampa
Notizia del 20/06/2019

COMUNICATO STAMPA   Martedì 25 Giugno 2019 alle Ore 10:00 presso la Sala del refettorio, Palazzo San Macuto Roma si terrà la III° ed. Conferenza Nazionale Made in Italy anno 2019.Nella scorsa edizione, tenutasi presso la Biblioteca della Camera dei deputati, sono risultati presenti numerosi parlamentari, stampa nazionale e alcuni rappresentanti di associazioni. Particolarmente importanti la argomentazioni. Dopo il saluto dell’Imprenditore Consigliere Anziano dell’Istituto Graziano Paccapelo sono state illustrate le relazioni da pa...

 

Check-up aziendali per progetti all'esportazione
Notizia del 19/04/2019

      Check-up aziendali per progetti all'esportazione           L'iniziativa                     Il check-up viene realizzato gratuitamente da Promindustria, perché è eventualmente interessato a porre in essere l’attività di affiancamento all’esportazio...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info