OSSERVATORIO MADE IN

Venerdì, 5 Giugno, 2020

Made in Italy a caccia dei precari di talento (flessibili e poliglotti)

Notizia del 01/12/2015

Moda, lusso, turismo, ristorazione sono settori in crescita e cercano giovani qualificati. Anche da assumere stabilmente.

«La risorsa sarà inserita all'interno di boutique di orologeria di lusso; si occuperà di accoglienza e assistenza alla vendita, consulenza alla clientela, riassortimenti e riordino. È molto gradita precedente esperienza nel ruolo, passione per il mondo del luxury, ottima conoscenza del cinese e dell'inglese.

Fondamentali buone doti relazionali, solarità e predisposizione al lavoro in team. Dinamicità e flessibilità completano il profilo». La caccia è aperta: solo un annuncio tra le migliaia che riempiono le bacheche e i siti internet delle agenzie per il lavoro. Ma è utile a delineare i tratti di un identikit ben preciso. Quello comune a una nuova tribù di lavoratori che sta trainando la ripresa del nostro Paese.

Sono gli (ex) interinali di grandi e piccole firme della moda e del lusso, ma anche del turismo, dell'enogastronomia, degli eventi, di internet declinato nello sviluppo di software e app per smartphone. Settori che forse non t'aspetti, e che rifioriscono dopo gli anni della crisi in una veste social.

L'esercito dei 20mila assunti in Expo2015, oggi pronto a ricollocarsi forte di un'avventura di successo, è una rappresentazione plastica del passaggio da «precarietà» intesa come sfruttamento di manodopera a «flessibilità» come parola d'ordine e - perché no - predisposizione naturale. Chi da un pezzo ha dovuto dire addio al posto fisso, oggi cerca di volgere a proprio favore le leggi del mercato e si mette sui binari di un «percorso» di crescita professionale e personale. Lo spiegano gli head hunter, i «cacciatori di teste» e di curricula: significa grandi capacità di adattamento, disponibilità a spostarsi di città in città (anche all'estero, certo), a prendere dei rischi, per quanto calcolati, se questo può servire a far carriera. L'evoluzione della specie precaria.
IL CAPITALE UMANO

Viviamo in un Paese in cui, come ci racconta l'Istat, nove italiani su dieci si rivolgono a parenti, amici e conoscenti quando si tratta di trovare o riconquistare un'occupazione. Il capitale umano viaggia ancora sul canale informale. Il 20%, invece, affida le proprie chance occupazionali alle agenzie per il lavoro. Ad essere cambiata però è «la percezione stessa del ruolo che svolgiamo - ragiona Antonio Bonardo, direttore Public Affairs di Gi Group - sia dal punto di vista delle imprese sia del pubblico. Non più soltanto profili generici, siamo diventati il punto di riferimento per le candidature specializzate». Per battere la concorrenza, tuttavia, non è esclusivamente una questione di studi e di esperienze accumulate. «Contano tantissimo le competenze linguistiche e digitali, e quelle che chiamiamo soft skills: dall'adattarsi facilmente al cambiamento alla capacità di lavorare in squadra, di guardare al risultato in un'ottica di problem solving». Ancor più vero quando si parla dei nuovi interinali della moda e del lusso. Marina Grisolia, che in Gi Group è Division Manager Fashion&Luxury, conferma: «Un'accelerazione positiva sta interessando l'area sales, ovvero boutique, negozi, ma anche outlet, legati alla stagionalità e ai picchi produttivi. Qui conoscere una lingua come il cinese, l'arabo, il russo è diventato fondamentale. E poi c'è la ripresa nei distretti artigianali del made in Italy, in cui si ricercano persone con grande esperienza alle spalle e notevoli abilità soprattutto manuali, parliamo ad esempio di donne over 50. Figure più difficili da rintracciare in assenza di ricambio generazionale, inquadrate con contratti più stabili e meglio retribuite».
UN QUADRO DI SISTEMA

Ragionamenti che si specchiano nei numeri. Secondo i dati di Assolavoro, l'associazione di categoria che riunisce le agenzie per il lavoro con oltre 2.500 filiali in tutta Italia, nel primo semestre di quest'anno tra i settori con il numero più alto di assunzioni con contratto di somministrazione ci sono informatica e servizi alle imprese (135mila), commercio al dettaglio (85mila), alberghi e ristoranti (73mila), industria tessile (12mila); tutti con tassi di crescita rilevanti se raffrontati al primo semestre dello scorso anno. In media, sono 338mila al mese i rapporti di lavoro stipulati tramite agenzie; ad agosto scorso sono cresciuti del 17% rispetto allo stesso periodo del 2014. Ora, per il periodo natalizio, sono oltre 12mila le occasioni di nuova occupazione, principalmente nel turismo e nell'accoglienza (hostess e receptionist), nella ristorazione (chef e pasticceri su tutti), nella grande distribuzione (store manager e magazzinieri). Moda, lusso e beauty cercano assistenti alle vendite «2.0», specialisti dell'e-commerce, personal shopper, consulenti di bellezza e make-up artist che possano vantare ottima conoscenza delle lingue, disponibilità a lavorare su turni e nei giorni festivi. Alla faccia delle resistenze di molti sindacati. Stefano Scabbio, presidente di Assolavoro, allarga la visuale: «Le assunzioni sono cresciute in quei settori in cui spesso le competenze, le specializzazioni e le elevate professionalità hanno una incidenza sopra la media. Un altro dato che emerge è che aumenta il numero di ore lavorate per singolo lavoratore (+19,5%, ndr). Anche da questi due elementi si può dedurre - aggiunge - che le agenzie non solo sono capaci di intercettare le dinamiche positive dei singoli settori e rispondere tempestivamente, ma sempre più spesso assumono a tempo indeterminato e puntano su professionalità medio-alte».
IL NUOVO POSTO FISSO

Ecco perché parlare di lavoratori interinali può essere, ormai, fuorviante: i contratti a tempo indeterminato firmati tramite agenzie mostrano un balzo pari a +54 per cento rispetto a un anno fa. Quindi vanno chiariti i termini della questione. Il lavoro in somministrazione, ex lavoro interinale, è un contratto in base al quale l'impresa (utilizzatrice) può richiedere manodopera ad agenzie autorizzate (somministratori). Il contratto di somministrazione a tempo indeterminato, o staff leasing, è stato modificato con il Jobs Act, che lo ha esteso a qualsiasi ambito di attività. «Una formula che si sta rivelando particolarmente adatta anche a comparti meno pesanti rispetto a quelli dell'industria», testimonia Stefano Moda, Candidate Management director di Adecco. Il lavoratore viene assunto a tempo indeterminato e pagato dall'agenzia, e ha diritto ad un'indennità di disponibilità per i periodi in cui non è in «missione». Una sorta di paracadute sociale privato, insomma. Spiega ancora Moda: «Il nostro obiettivo, nel caso di personale assunto in staff leasing, è di venire sia incontro alle esigenze delle aziende a seconda dei picchi di produzione sia di dare continuità lavorativa al dipendente nell'arco di tutto l'anno». In concreto, si tratta di finestre contrattuali dai 3 ai 6 mesi, rinnovabili. «L'impegno, il più delle volte riuscito, è quello di far coincidere la fine di un'esperienza con l'inizio della successiva, riducendo al minimo i periodi di inattività, durante i quali corrispondiamo ai lavoratori un assegno di 750 euro lordi mensili».

In diciassette anni, da quando cioè il primo pacchetto di agenzie fu autorizzato ad operare dal ministero, lo scenario è mutato. Basta farsi un giro tra le sedi «su strada» dei principali gruppi per capirlo. Se fino ad alcuni anni fa si pescava in un bacino di manodopera dai profili generici, e il più delle volte i candidati finivano in batteria dietro ai microfoni di un call center, adesso la realtà appare molto più variegata. C'è ancora il neodiplomato che entra per la prima volta nel mondo del lavoro; l'immigrato che tenta di inserirsi per poter ottenere il permesso di soggiorno; ci sono i neolaureati disposti a mettere nel bagaglio un'esperienza formativa, magari non necessariamente in linea con il percorso di studi intrapreso. C'è il laureato in informatica, in ingegneria o in matematica, con un pedigree altamente specializzato e che vuol farsi conoscere dalle aziende, proprio in quei settori in cui il mercato da solo ancora fatica a far incrociare la domanda e l'offerta di candidati.
L'ANELLO DEBOLE

Inviano i curriculum pure i quadri e i manager pronti a fare gli scatoloni e a cambiare ufficio, senza drammi, anzi con gusto della sfida, in nome di un «turnover» di alto livello. E poi c'è l'anello più debole della catena. Quarantenni e cinquantenni, ultima eredità lasciata dalla grande crisi. Padri e madri di famiglia costretti a ripartire da zero. Magazzinieri o addetti alle pulizie, operai che dopo una vita in fabbrica si ritrovano loro malgrado a scartabellare gli annunci sui giornali o su internet. Quando si affacciano nelle agenzie, il primo lavoro da fare è ricostruire la loro «identità» di lavoratori. Perché si scopre che molti di loro non hanno mai scritto un «cv» e non hanno mai fatto un colloquio prima d'allora. Nell'epoca del fast job e della flessibilità per scelta, qualcuno è rimasto indietro.

[fonte: ilgiornale.it]

  Versione Stampa   Invia  
Le nostre proposte per il Dopo Virus
Notizia del 14/05/2020

Chi parla è Istituto Tutela Produttori italiani unica organizzazione professionale che si occupa di Tutelare Valorizzare e Promuovere Produttori italiani. Questa la nostra missione Abbiamo elaborato questo progetto con la consapevolezza che dopo virus la distribuzione di prodotti di qualità italiani non sarà più la stessa.Il Prodotto italiano non può essere più lo stesso soprattutto quello delle piccole Imprese, soprattutto quello delle Imprese manifat...

 

CHARLIE CHAPLIN E IL CELEBRE DISCORSO TRATTO DA “IL GRANDE DITTATORE”
Notizia del 30/04/2020

Mi dispiace, ma io non voglio fare l’Imperatore, non è il mio mestiere. Non voglio governare, né conquistare nessuno. Vorrei aiutare tutti se possibile: ebrei, ariani, neri o bianchi. Noi tutti vogliamo aiutarci vicendevolmente. Gli esseri umani sono fatti così. Vogliamo vivere della reciproca felicità, ma non della reciproca infelicità. Non vogliamo odiarci e disprezzarci l’un l’altro. In questo mondo c’è posto per tutti, la na...

 

Proposte Istituto Tutela Produttori Italiani per il Prossimo decreto attività economiche
Notizia del 20/03/2020

Fermo, 20 Marzo 2020 Oggetto: Proposte Istituto Tutela Produttori Italiani Riferimento: Prossimo decreto attività economiche Erg Onorevoli   in vista del prossimo decreto a sostegno delle attività economiche ci permettiamo di allegarvi il Manifesto del Made in Italy già redatto nel 2018 e il Manifesto dei Produttori Italiani elaborato dopo l'avvento del COVID-19. Auspichiamo vogliate tenere in considerazione il contributo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani in questa difficilissima situazione. Con queste iniziative le Imprese potranno avere una prospettiva...

 

Nasce L'ITALIANO - The Gourmet Club
Notizia del 16/03/2020

            Nasce L'ITALIANO - The Gourmet Club Un multiservice per l'esportazione agroalimentare Italiano: Sistema che coniuga la vendita B2B, B2C e presenza alle maggiori manifestazioni fieristiche internazionali del food. Ci sono alcune prerogative assolute, i prodotti agroalimentari devono essere tutti interamente italiani e lavorati interamente in Italia. Sono ammesse materie prime estere di qualità non coltivabili in Italia. L'online ha due punti di forza: vendita a lotto e a foodbox con ricet...

 

La Via della Scarpa
Notizia del 24/01/2020

...

 

Coldiretti Puglia, bene sostegno olio 100% Made in Italy nella grande distrubizione
Notizia del 22/01/2020

Commento di Coldiretti Puglia alla decisione del patron del Gruppo Megamark Giovanni Pomarico di sostenere l’economia olivicola pugliese e del Sud. Apprezzamento per la scelta del Gruppo Megamark di sospendere nelle catene di supermercati DOK e Famila le promozioni dell’olio comunitario, per sostenere le vendite dell’olio extravergine di oliva italiano attraverso un battage comunicazionale forte. E’ il commento di Coldiretti Puglia alla decisione del patron del Gruppo Megamark Giovanni Pomarico di sostenere l’economia olivicola pugliese e del Sud. “E&rsquo...

 

Nasce ITALIA IMBOTTITI Governance Club
Notizia del 09/12/2019

Lugo, li 4 Dicembre 2019 Sette Imprese Fondano ITALIA IMBOTTITI Governance Club , Organizzazione per la Garanzia e la Promozione delle Imprese che realizzano Imbottiti di Qualità 100% Italiani Certificati “Made in Italy” Le Aziende Fondatrici sono: Minardi Piume, Pi-Ume, Nuova Ume Veneto, R.F Resina Forlivese, Mondo Espansi, Euroresine 2000, Brighi Tecnologie Italia con l’Affiancamento dell’Istituto Tutela Produttori Italiani.Il board dell’ organiz­zazione risulta così composto:Presidente> Luigi Cassigoli Vice Presidente> Riccardo ValliCo...

 

AVVENTO DEL NUOVO PROGETTO - CESTI.ORG
Notizia del 25/11/2019

Vi comunichiamo l'avvento di un nuovo progettoStiamo realizzando un nuovo canale distributivo dei pacchi dono, oggi Natale poi anche per Pasqua e regali aziendali. Da quest'anno c'è questa possibilità: Nasce cesti.OrgIniziativa Dei Produttori italiani per valorizzare le eccellenze agroalimentari italiane. Questa iniziativa si caratterizza per il fatto che i prodotti e le materie prime debbono essere eclusivamente ed interamente italiane.Prodotti Selezionati, unici, esclusivi particolari e tracciati, quindi con la piena garanzia dell'origine ma anche della qualità.Mangiar...

 

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019
Notizia del 19/11/2019

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019  Partirà il giorno sabato 17 Novembre la missione di 3 giorni dei produttori italiani con destinazione Dubai, Emirati Arabi Uniti. Questi i numeri e la tendenza del mercato Emiratino: Gli Emirati Arabi Uniti nel 2018 sono stati il ventunesimo mercato di sbocco per le vendite italiane di merci (il primo nella regione del Medio Oriente). Il PIL nominale a prezzi correnti del paese si posiziona al secondo posto nell’area del Golfo , dopo l’Arabia Saudita, con un valore stimato di circa 433 mld US$ nel 2018 e ulterio...

 

La ditta di ceramica spostata in Armenia, ma gli 11 dipendenti se la comprano ed è un successo
Notizia del 19/11/2019

Città di Castello, i lavoratori che erano stati licenziati rilevano macchinari e affittano la sede con i soldi del Tfr: riconquistati i vecchi clienti e i conti vanno a gonfie vele Il marchio della nuova fabbrica se lo portano dietro ovunque con tanto di slogan «Tutti per uno, un sogno per tutti». «Ce lo siamo tatuato sul braccio — racconta con un sorriso Chiara Bastianelli, 37 anni, decoratrice — perché è il simbolo della nostra rinascita e del lavoro che adesso nessuno ci potrà più togliere». Già, perché un...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info