OSSERVATORIO MADE IN

Lunedì, 6 Aprile, 2020

Agroalimentare 2.0, dalle startup occasione d'oro per il made in Italy

Notizia del 30/03/2017

L’Italia è il primo Paese Ue per numero di prodotti Dop, Igp e Stg. Tanta qualità, non sempre valorizzata e protetta a dovere, che però ora ha dei nuovi alleati: Internet of Things, cloud, sensori e droni. Dall’agricoltura di precisione alla zootecnia, sono già numerose le imprese innovative in campo
Andrea Frollà
Agroalimentare 2.0, dalle startup occasione d'oro per il made in Italy L’innovazione digitale è un alleato micidiale del settore agroalimentare e l’Italia è tra i Paese più all’avanguardia su questo fronte. Dal monitoraggio delle filiere al controllo qualità sul prodotto finale, gli anelli della catena produttiva che oggi hanno solo che da guadagnare dalla nascita di sistemi e soluzioni 2.0 per l’agricoltura e l’allevamento sono moltissimi. Tecnologie come l’Internet of Things, il cloud, la robotica e i droni stanno scrivendo una pagina nuova delle tecniche di raccolta, produzione e trasformazione fra i campi e le stalle. Non perdiamo mai l’occasione per tessere le lodi del nostro cibo e dei nostri vini. E grazie all’evoluzione digitale probabilmente potremo continuare a farlo a lungo.

Secondo l’Osservatorio Smart AgriFood, creato del Politecnico di Milano in collaborazione con l’Università di Brescia, la panoramica delle principali soluzioni offerte dal mercato italiano per la filiera agrifood (circa 180), in particolare a supporto delle attività in campo, dell’allevamento e della trasformazione primaria, ha già una sua forma. Alcune innovazioni si riferiscono a due o più ambiti di quelli mappati dalla ricerca, da cui emerge che la maggior parte delle soluzioni, circa l’80%, abilita la cosiddetta agricoltura di precisione, cioè le attività di monitoraggio delle colture e delle apparecchiature a distanza, mappatura e analisi del terreno, irrigazione e fertilizzazione mirata, simulazioni e analisi predittive. La zootecnia e le applicazioni per il monitoraggio della posizione e soluzione per il controllo dello stato di salute degli animali conquistano appena un 7%.

Stessa percentuale del mondo animale anche per la tracciabilità, al cui interno rientrano i sistemi sviluppati per ottenere un maggiore controllo della qualità del prodotto e allo stesso tempo diminuire il rischio di contraffazione. Infine, il 5% delle soluzioni riguarda la dematerializzazione delle procedure, ovvero la progressiva sostituzione dei supporti tradizionali della documentazione in favore delle corrispondenti versioni digitali.
C’è un tema che è trasversale a tutte le soluzioni mappate dall’Osservatorio e che tocca oltre un quarto dei progetti innovativi: la qualità alimentare e ambientale. Per un Paese come il nostro che fa del food un vanto mondiale, con il primato Ue per numero di prodotti Dop, Igp e Stg, è sicuramente una buona notizia. Soprattutto sul versante export, con la domanda di Made in Italy di alto livello che non è mai venuta meno. Oggi, anche grazie al boom di chef, coltelli e cucine in tv, c’è un livello di attenzione maggiore alla qualità di ciò che va in tavola. In questo contesto le tecnologie digitali possono fungere da grande alleato di chi punta su elevati standard e basso impatto ambientale. Si pensi alle soluzioni che, permettendo l’identificazione dei prodotti lungo l’intera supply chain, garantiscono il prodotto finale da eventuali sofisticazioni.

La maggior parte (64%) dei sistemi digitali per l’agroalimentare sviluppati finora in Italia si basano sulle tecnologie di Internet of Things, cioè su sensoristica avanzata che permette di monitorare in tempo reale ciò che succede a un animale o a una pianta. Generalmente a questi sistemi di IoT si accompagna una piattaforma in cloud dedicata, così da poter consultate i dati da remoto tramite computer o smartphone. Ma non mancano certo applicazioni software, robot, piattaforme web e droni.

Tutte tecnologie che producono grandi quantità di informazioni. «È da tempo che si dice che siamo nell’economia dell’informazione e che i dati sono il nuovo petrolio – spiega Filippo Renga, direttore dell’Osservatorio Smart AgriFood - Non fa eccezione la filiera agroalimentare del futuro, che produce una notevole mole di dati sia durante le fasi produttive – dalla produzione agricola alla trasformazione alimentare – sia al momento del consumo alimentare”. Questo scenario pone però secondo Renga un problema rilevante: di chi sono questi dati e chi li potrà gestire e valorizzare? «Siamo all’inizio di questo fenomeno, ma certamente possiamo dire che gli attori meno pronti e più deboli sono quelli più piccoli e disaggregati: aziende agricole, piccoli produttori alimentari e consumatori. È auspicabile – sottolinea Renga - che il valore generato sia distribuito sul tutta la filiera agroalimentare e non venga accumulato su alcuni grandi attori, come invece sta accadendo nel web».

L’Osservatorio Smart Agrifood ha elaborato anche una ricerca ad hoc sul mondo delle startup che oggi dominano il panorama tecnologico in ambito agroalimentare: un esercito di nuove imprese pronte a darsi battaglia a suon di innovazione. La ricerca, che ha preso in esame le nuove imprese innovative finanziate, ha individuato nel comparto agroalimentare 182 startup per un finanziamento complessivo da oltre 630 milioni di dollari. Se si può quasi considerare scontata la predominanza statunitense nel contesto internazionale (47%), stupisce invece positivamente il posizionamento italiano: l’11% delle startup analizzate ha sede in Italia. Così, mentre in altri settori come il turismo o la finanza rincorriamo l’evoluzione digitale altrui, nel caso dell’agroalimentare siamo tra i Paesi trainanti.

Esempi di innovazione nostrana ce ne sono moltissimi. A partire da Omica, che integra sensori, immagini satellitari e piattaforme a supporto degli agricoltori, ed Elaisian, che progetta soluzioni specifiche per il settore olivicolo. Ma c’è anche XNext, che punta sui raggi X per la verifica della qualità degli alimenti, o Wenda, con il suo tappo hi-tech in grado di fornire diverse indicazioni non solo sul vino che copre ma anche su come viene trattato durante il trasporto. Queste sono solo alcune delle realtà italiane che stanno puntando sull’innovazione per l’agroalimentare. Altre, c’è da scommettere, se ne aggiungeranno presto. E per un Paese come il nostro può essere solo una bella notizia.

  Versione Stampa   Invia  
Proposte Istituto Tutela Produttori Italiani per il Prossimo decreto attività economiche
Notizia del 20/03/2020

Fermo, 20 Marzo 2020 Oggetto: Proposte Istituto Tutela Produttori Italiani Riferimento: Prossimo decreto attività economiche Erg Onorevoli   in vista del prossimo decreto a sostegno delle attività economiche ci permettiamo di allegarvi il Manifesto del Made in Italy già redatto nel 2018 e il Manifesto dei Produttori Italiani elaborato dopo l'avvento del COVID-19. Auspichiamo vogliate tenere in considerazione il contributo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani i...

 

Nasce L'ITALIANO - The Gourmet Club
Notizia del 16/03/2020

            Nasce L'ITALIANO - The Gourmet Club Un multiservice per l'esportazione agroalimentare Italiano: Sistema che coniuga la vendita B2B, B2C e presenza alle maggiori manifestazioni fieristiche internazionali del food. Ci sono alcune prerogative assolute, i prodotti agroalimentari devono essere tutti interamente italiani e lavorati interamente in Italia. Sono ammesse materie prime estere di qualit&agrav...

 

La Via della Scarpa
Notizia del 24/01/2020

...

 

Coldiretti Puglia, bene sostegno olio 100% Made in Italy nella grande distrubizione
Notizia del 22/01/2020

Commento di Coldiretti Puglia alla decisione del patron del Gruppo Megamark Giovanni Pomarico di sostenere l’economia olivicola pugliese e del Sud. Apprezzamento per la scelta del Gruppo Megamark di sospendere nelle catene di supermercati DOK e Famila le promozioni dell’olio comunitario, per sostenere le vendite dell’olio extravergine di oliva italiano attraverso un battage comunicazionale forte. E’ il commento di Coldiretti Puglia alla decisione del patron del Gruppo Megamark Giovanni Pomarico di sostenere l’economia olivicola pugliese e del Sud. “E&rsquo...

 

Nasce ITALIA IMBOTTITI Governance Club
Notizia del 09/12/2019

Lugo, li 4 Dicembre 2019 Sette Imprese Fondano ITALIA IMBOTTITI Governance Club , Organizzazione per la Garanzia e la Promozione delle Imprese che realizzano Imbottiti di Qualità 100% Italiani Certificati “Made in Italy” Le Aziende Fondatrici sono: Minardi Piume, Pi-Ume, Nuova Ume Veneto, R.F Resina Forlivese, Mondo Espansi, Euroresine 2000, Brighi Tecnologie Italia con l’Affiancamento dell’Istituto Tutela Produttori Italiani.Il board dell’ organiz­zazione risulta così composto:Presidente> Luigi Cassigoli Vice Presidente> Riccardo ValliCo...

 

AVVENTO DEL NUOVO PROGETTO - CESTI.ORG
Notizia del 25/11/2019

Vi comunichiamo l'avvento di un nuovo progettoStiamo realizzando un nuovo canale distributivo dei pacchi dono, oggi Natale poi anche per Pasqua e regali aziendali. Da quest'anno c'è questa possibilità: Nasce cesti.OrgIniziativa Dei Produttori italiani per valorizzare le eccellenze agroalimentari italiane. Questa iniziativa si caratterizza per il fatto che i prodotti e le materie prime debbono essere eclusivamente ed interamente italiane.Prodotti Selezionati, unici, esclusivi particolari e tracciati, quindi con la piena garanzia dell'origine ma anche della qualità.Mangiar...

 

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019
Notizia del 19/11/2019

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019  Partirà il giorno sabato 17 Novembre la missione di 3 giorni dei produttori italiani con destinazione Dubai, Emirati Arabi Uniti. Questi i numeri e la tendenza del mercato Emiratino: Gli Emirati Arabi Uniti nel 2018 sono stati il ventunesimo mercato di sbocco per le vendite italiane di merci (il primo nella regione del Medio Oriente). Il PIL nominale a prezzi correnti del paese si posiziona al secondo posto nell’area del Golfo , dopo l’Arabia Saudita, con un valore stimato di circa 433 mld US$ nel 2018 e ulterio...

 

La ditta di ceramica spostata in Armenia, ma gli 11 dipendenti se la comprano ed è un successo
Notizia del 19/11/2019

Città di Castello, i lavoratori che erano stati licenziati rilevano macchinari e affittano la sede con i soldi del Tfr: riconquistati i vecchi clienti e i conti vanno a gonfie vele Il marchio della nuova fabbrica se lo portano dietro ovunque con tanto di slogan «Tutti per uno, un sogno per tutti». «Ce lo siamo tatuato sul braccio — racconta con un sorriso Chiara Bastianelli, 37 anni, decoratrice — perché è il simbolo della nostra rinascita e del lavoro che adesso nessuno ci potrà più togliere». Già, perché un...

 

Scarpe di seta e fibra di ortica
Notizia del 29/10/2019

di Gunter Pauli – Le vendite globali di calzature al dettaglio hanno raggiunto i 300 miliardi. La forte domanda dei mercati emergenti in Asia e America Latina ha spinto il tasso di crescita oltre il 6% annuo. Si vendono più di 15 miliardi di paia di scarpe e il numero totale di scarpe vendute è aumentato di 2 miliardi di paia negli ultimi cinque anni e il mercato non accenna a diminuire. C’è anche da dire che il settore delle calzature è una delle industrie più globalizzate. Nel caso del Nord America, per esempio, il 96% di tutte le calzatur...

 

Missione Produttori Italiani a New York - 21\25 Ottobre 2019
Notizia del 22/10/2019

È partita il giorno sabato 21 Ottobre la missione di 4 giorni dei produttori italiani con destinazione N. Y. USA Sono previsti incontri con distributori di :- abbigliamento e accessori moda(5)-calzature (3)-settore cosmesi (3)- agroalimentare (4) La missione è diretta a verificare l'interesse degli addetti commerciali per le creazioni dei marchi (24) che verranno presentati. Lo step successivo è quello di portare i Clienti in Italia per un incontro con i produttori con la prospettiva di visite individuali nelle Aziende con concrete prospettive di campionature e/ tester ...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info