MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Incentiviamo il made in Italy: lettera al direttore di Varese News

Egregio DIRETTORE
Ho assistito in diretta sky la conferenza stampa del Presidente Monti per la presentazionedelle nuove imposizioni fiscali.- La solita tarantella, il solito noioso ritornello, in parte i solitimacro errori di impostazione del problema Italia.- Si richiama continuamente il dirittoal lavoro per i giovani.-   Si ripropone da più di 20 anni la solita ricetta di contributi economici allepiccole imprese a patto di investimenti in nuovi macchinari o di favorire assunzioni   di nuovopersonale a tempo indeterminato.- Le aziende sono al minimo storico di capacità economica.-Nessun Governo , nessun Parlamentare si è mai posto il problema contrario : collocare il prodottoaziendale , amorevolmente preparato dal dipendente, sul mercato e non destinarlo a depositonelle scansie come purtroppo avviene oggi in un mercato fermo .-L’unico sistema valido anzi validissimo - per favorire la crescita del pil - per l’assunzionedi nuovo personale giovane è vendere…. vendere…… vendere….Se non si vende non si fa cassa , non si acquista e non c’è futuro per nessuno.-Troppo comodo chiedere tasse…tasse….tasse….Bisogna urgentemente costruiregrossi paletti alla smisurata importazione di prodotti orientali di qualunque genere,a bassissimo costo di manodopera che offende vergognosamente tutti gli artigianiitaliani che pagano ( preciso a giusta ragione ) la manodopera a costi europei.-Bisogna favorire le vendite.- Le piccole aziende non hanno bisogno del contributogovernativo , hanno solo urgente e perentoria necessità che venga aperto un corridoioper poter collocare il prodotto sul mercato da offrire al consumatore finale.
RICETTA – tutta la grande distribuzione – tutti i grandi ingrossi devono essere così decretati : ACQUISTI AL 50%      dove vuoi, IL RESTANTE   50%    solo da aziende che certificano il prodotto cento per cento italiano.-Si svuotano le scansie in poco tempo, migliorano i conti aziendali, si apre finalmente la finestraper nuove assunzioni, riparte il reddito pro capite, ritorna il consumo.-Di nuovo ripeto – i contributi non servono – serve solo offrire alle piccole aziendela facilità di collocare prodotti seppur gravati dai costi nazionali ( un giusto civile successodel mondo occidentale nel pieno rispetto dell’essere umano ) ed impedirequesta volgare aggressione di merce orientale manufatta da persone sfruttate,senza diritti, sottopagate, umiliate nella personalità e sconfitte nella dignità.

Fonte: Varese

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Made in Italy in frenata, si salvano cibo e farmaci
2015-01-01
Image
Il Gioiello Made in Italy ad Hong Kong emoziona ancora
2015-01-01
Image
MARCHE: D'ANNA, SERVONO INTERVENTI CONTRO PRODOTTI CONTRAFFATTI
2015-01-01
Image
ITALIAN WEEK DUBAI EVENT
0000-00-00
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.