MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Coldiretti, Marini: "Distintività, benessere e Pmi per rilanciare il Paese"

E' la ricetta per rilanciare l'economia delle Marche e del Paese secondo quanto spiegato dal presidente nazionale della Coldiretti, Sergio Marini, nella lezione tenuta ad Ascoli Piceno per il corso di formazione sociopolitico organizzato dalla Diocesi.
"La crisi attuale ha le sue origini nel rovesciamento di un sistema che normalmente vedrebbe la politica dettare le regole per l'economia, mentre la finanza dovrebbe essere uno strumento al servizio di quest'ultima - ha spiegato Marini -. In Italia la politica ha deciso di arretrare, lasciando il governo all'economia, la quale a sua volta è stata sopraffatta dalla finanza".
Ora il Governo tecnico è stato chiamato a risanare i conti ma, una volta raggiunto il pareggio di bilancio, bisognerà pensare a come tornare a crescere.
"Il primo passo è rimuovere ostacoli alla crescita: liberalizzazioni e semplificazioni vanno tutte in questa direzione - ha sottolineato il presidente di Coldiretti -. Ma, una volta fatto ciò, come si fa ad essere competitivi? Pensare di farlo agendo sui costi di produzione e tagliando lavoro, tutele, servizi, garanzie ambientali e sociali, significa tagliare sulla qualità della vita. Ma chi ha scelto questa strada è anche chi se ne andrà dall'Italia, poiché per essere competitivi devi operare su costi e prezzo".
Non può essere questa la soluzione per il nostro Paese. "E' un modello sbagliato, inapplicabile per l'Italia - ha sottolineato Sergio Marini -, come lo è, del resto, continuare a ragionare esclusivamente in termini di Pil, che è poi l'errore che ci ha condotto nella situazione in cui ci troviamo".
Secondo il presidente della Coldiretti "possiamo essere competitivi solo tornando all'economia reale e lavorando su quello che abbiamo di unico ed esclusivo, e cioè creatività, territorio e paesaggio, cultura, dinamismo, capacità di sacrificio rispetto al proprio sogno da realizzare. Se in tutto il mondo copiano il made in Italy, ciò vuol dire che i nostri prodotti hanno un valore non solo materiale ma anche immateriale, un valore evocativo che crea mercato. Dobbiamo ripartire da questo se vogliamo rimpossessarci del nostro futuro".

Fonte: Viniesapori.net

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Il Sistema Moda perder
2015-01-01
Image
OroArezzo 2011 si avvia verso la conclusione guardando al futuro con confermato ottimismo
2015-01-01
Image
NEL LAZIO IL LATTE PARLA TEDESCO MA IL CONSUMATORE NON LO SA
2015-01-01
Image
Messico, l'agroalimentare Italiano sugli scaffali Walmart
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.