MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Dall

L’export agricolo interrompe la sua lunga caduta e nel mese di maggio mostra incoraggianti segnali di ripresa. Ma nonostante la variazione positiva del 6,2 per cento rispetto allo stesso mese del 2011, da gennaio a giugno il risultato resta saldamente ancorato al segno meno, facendo registrare una riduzione del 5,5 per cento delle vendite oltreconfine rispetto al primo semestre dell’anno scorso. Colpa dei costi produttivi troppo ingombranti nei bilanci aziendali e delle zavorre fiscali che spesso ostacolano la competitività delle nostre imprese. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, commentando i dati sul commercio estero diffusi oggi dall’Istat. Mentre il ‘made in Italy’ agroalimentare conferma le sue buone performance all’estero, facendo registrare un +6,9 per cento tendenziale, nei primi sei mesi dell’anno l’agricoltura sconta l’eccezionale ondata di maltempo che ha penalizzato moltissimo le nostre produzioni agricole. Ora, invece, – osserva la Cia – a incidere sull’incoraggiante prestazione dell’export agricolo di maggio sono le vendite dei prodotti freschi, in particolare frutta e verdura, che costituiscono una voce importante delle esportazioni dell’agricoltura italiana. Ma a determinare il dato più significativo, cioé il meno 5.5 per cento tendenziale registrato nei primi sei mesi dell’anno, sono i problemi strutturali del settore. Il punto più critico per le aziende – spiega la Cia – restano i costi produttivi troppo alti e i prezzi all’origine non remunerativi, che limitano fortemente i margini di guadagno. Si tratta di un binomio devastante che quest’anno ha addirittura scoraggiato molti a seminare, con una crescita del 5,5 per cento dei terreni lasciati a riposo. E’ importante quindi lavorare alla competitività delle imprese agricole e quindi anche alla loro capacità di esportare e di investire all’estero, creando strumenti normativi che le sostengano direttamente, semplificando e razionalizzando le risorse. Ma soprattutto – conclude la Cia – serve una politica di promozione efficace sulle vetrine internazionali che riporti i prodotti della nostra agricoltura sulla scia positiva del successo dell’agroalimentare ‘made in Italy’ nel mondo.

FONTE: CONIPIEDIPERTERRA.COM

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
MISSIONE OPERATORI DEL SETTORE ARREDAMENTO-LEGNO IN ARABIA SAUDITA
2015-01-01
Image
MODA: CNA, ANCHE L'UMBRIA IN DIFESA DEL MADE IN ITALY
2015-01-01
Image
"SALVIAMO IL MADE IN ITALY E I NOSTRI POSTI"
2015-01-01
Image
Paola Bonacina Bags & Accessories NEW COLLECTION SPRING SUMMER 2015
2015-04-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.