MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Made in Italy: non delocalizzare conviene

Per le PMI del Made in Italy la crescita del business non è sempre e solo legata allo sviluppo di nuove strategie di internazionalizzazione: anche un mercato in crisi come quello italiano può riservare delle sorprese se si valorizza la catena del valore – in termini di filiera produttiva locale – e si tutela la ricchezza intellettuale.

Territorio come risorsa

L’esempio di Gucci fa scuola. Il gruppo francese Ppr annovera importanti marchi della Moda fra cui gli italianissimi Gucci, Bottega Veneta, Sergio Rossi e Brioni: una nazionalità da difendere perché sinonimo di qualità ed eccellenza. Tutelarne il patrimonio fatto di competenze artigianali e imprenditoriali – si traduce in successo di fatturato:

In un periodo in cui i grandi gruppi de localizza la produzione, FIAT in testa, una strategia vincente alternativa potrebbe essere quella di restare ancorati in patria e investire sul territorio come risorsa e patrimonio di competenze. 

Gli esempi non li fornisce solo la grande industria. La 3.6.5.srl  lavora e produce artigianalmente articoli per la scrittura senza spostare la produzione in mercati esteri con manodopera a basso costo e normative sugli scambi internazionali più vantaggiose: non è snobismo verso la globalizzazione ma il riconoscimento delle potenzialità di manodopera e design locale. Nulla di nuovo, ma oggi questa strategia ha un fine in più: valorizzare la produttiva locale.

Ri-local

Reinvestire e sulle realtà locali (Ri-Local) è uno dei capisaldi del design sistemico, applicati in molte realtà italiane. Obiettivo, incrementare i ricavi grazie a uso intelligente del territorio, delle competenze e delle materie di scarto.

A conferma dell’efficacia di questa strategia vi è l’iniziativa di Confartigianato, Camera di commercio e Politecnico di Torino “As campa via niente” (non si butta via niente n.d.r.): coinvolge 16 aziende artigiane appartenenti a settori commerciali e produttivi tra i più diversi: lavorazione di materiali ferrosi o plastici agli alimenti zootecnici, tintoria, copisteria, gastronomia, autoriparazioni, lavorazione del legno e cuoieria.

Dovranno  imparare a sfruttare le risorse senza produrre sprechi, attraverso il riutilizzo degli scarti, e l’utilizzo di materiali e prodotti del territorio limitrofo: ciò produrrà vantaggi in termini di valorizzazione dell’economia locale e sostenibilità ambientale. Il guadagno sta anche nell’approvvigionamento delle materie prime e nella logistica dei prodotti con una riduzione drastica dei costi.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
TTIP solo con il riconoscimento del Made in Italy
2015-06-12
Image
MARCHE: D'ANNA, SERVONO INTERVENTI CONTRO PRODOTTI CONTRAFFATTI
2015-01-01
Image
Regione Puglia: Loredana Capone, un disegno legge per la tutela e lo sviluppo dell
2015-01-01
Image
Falso Made in Italy sui capi di lana, frode fiscale da 15 milioni di euro
2015-11-20
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.