MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Italia-Cina: Passera, obbiettivo primo partner commerciale

Il ministro dello Sviluppo economico, Infrastrutture e Trasporti Corrado Passera, in missione istituzionale nella Repubblica Popolare Cinese, da lunedì 26 a oggi mercoledì 28 novembre, sta effettuando una serie di incontri con le istituzioni e le realtà imprenditoriali, con tappe a Pechino e Shanghai. Tra i principali temi all'ordine del giorno nei diversi incontri in programma: la facilitazione dell'accesso al mercato cinese per i prodotti italiani e lo snellimento delle procedure amministrative e doganali; la maggiore tutela della proprietà intellettuale e la lotta alla contraffazione; le opportunità di investimento cinese in macro aree logistiche italiane quali porti, interporti, aree industriali.

La visita si svolge in un momento di importante trasformazione economica e politica della società cinese - come dimostrano le recenti conclusioni del Congresso del Partito Comunista, che ha rinnovato i propri vertici, ponendo l'attenzione sulla necessità di accelerare ulteriormente la modernizzazione e la crescita del Paese - e servirà a rinsaldare ulteriormente le relazioni economico-commerciali tra Italia e Cina.

“Ho riscontrato una conferma del grande interesse verso l' Italia - ha dichiarato il ministro Passera - e uno spazio davvero enorme per la crescita degli scambi tra Cina e Italia, non solo nei campi tradizionali, come meccanica e fashion, ma anche in settori come energie e green economy. La Cina è molto interessata alle tecnologie italiane”.

Dal punto di vista delle relazioni commerciali, l'industria manifatturiera e il Made in Italy sono i due settori nazionali maggiormente sviluppati, anche se si registra un crescente interesse cinese verso i comparti ad elevato valore aggiunto, come la tecnologia ambientale, le energie rinnovabili, il settore medicale, telecomunicazioni e aerospaziale.
Il Ministro, in occasione di un'iniziativa promozionale sui vini italiani in Cina ha affermato “Al momento la Cina è il primo importatore mondiale di vini, ma l'Italia non è il primo esportatore. Il vino è un prodotto italiano per eccellenza, e bisogna insistere su questo punto. Più in generale l'obiettivo consiste nel rendere la Cina il primo partner commerciale italiano: fino a qualche anno fa era impensabile che la Cina sarebbe diventata il terzo partner commerciale italiano, dopo Germania e Francia, ma oggi gli scambi tra i due Paesi ammontano a 50 miliardi di dollari all' anno. Sono cifre considerevoli, ma bisogna incrementare la presenza italiana attraverso una maggiore presenza diretta e nuove partnership e joint ventures”.

Durante la missione, il ministro Passera ha tenuto un discorso presso la scuola del Partito Comunista Cinese (PCC) dal titolo Italia e Cina: crescita sostenibile e partenariati avanzati. “L'Italia ha messo sotto controllo i conti pubblici che oggi sono tra i più virtuosi di Europa attraverso la riforma definitiva del sistema pensionistico, una vasta riforma fiscale, una profonda spending review e una attiva lotta contro l'evasione. Sono state effettuate inoltre – ha concluso Passera - le riforme strutturali profonde che attendevano da anni realizzate dal governo a favore della competitività e della crescita: liberalizzazioni, semplificazioni, riforma del mercato del lavoro, nuova normativa sulle startup, molti interventi a favore delle piccole e medie aziende e accelerazione dei progetti infrastrutturali”.

 

FONTE: ETRIBUNA.COM

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Marzano: Forza nostro paese sono i distretti
2015-01-01
Image
IL BRAND E' UNA VIBRANTE IMMAGINE NELLA MENTE DELLE PERSONE
2015-01-01
Image
Made in Italy dimenticato
2015-01-01
Image
Made in Italy: è in arrivo il Ddl
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.