MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Una banca dati per l'olio di oliva Made in Italy

Ricerca e sviluppo per la rintracciabilità dell’olio d’oliva, due i metodi possibili: uno chimico e uno, successivo, biomolecolare. Così si potrebbero combattere le contraffazioni. Per completare la fase di sperimentazione servono 900mila euro.


Contro la contraffazione e in una logica di etichettatura trasparente viene proposta la banca dati per l’olio italiano. Un progetto pensato dal Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura (CRA), ente vigilato dal ministero delle Politiche Agricole, alimentari e forestali, che si basa su approcci complementari, sia di natura chimica che – in una fase successiva – biomolecolare.


Il progetto, che dovrebbe coinvolgerebbe il CRA ed altre istituzioni scientifiche con competenze specifiche, avrebbe una durata triennale, ed avrebbe l’obiettivo di validare

i modelli oggi disponibili, con un costo di circa 900mila euro. Fondi, tuttavia, che non sono ancora stati stanziati.
L’obiettivo, come illustra Enzo Perri, direttore del Centro di ricerca per l’olivicoltura e l’industria olearia (CRA-Oli), all’Ufficio stampa di Sol&Agrifood, la Rassegna internazionale dell’agroalimentare di qualità in programma dal 7 al 10 aprile a Veronafiere, «è appunto quello di creare una banca dati dell’olio italiano, attraverso lo sviluppo di modelli statistico-matematici, in grado di classificare varietà, areali, produzioni, cultivar, utilizzando i dati relativi al rapporto isotopico del Carbonio, alle sostanze volatili, agli acidi grassi, ai metalli in tracce e ai dati NMR».


Una volta mappato l’olio italiano sarebbe molto più facile individuare le provenienze di oli esteri, anche se miscelati. «Con la validazione del metodo e dei modelli – afferma Perri – gli stessi Nas e l’ICQRF (Istituto controllo qualità e repressione frodi) potrebbero impiegarli nei servizi antifrode.


Ma prima la metodologia andrà testata» e per questo servono tre anni di tempo. Un’altra strada indicata dal CRA è l’approccio molecolare, attraverso i marcatori genetici presenti nell’olio: «Una procedura molto più complessa, non ancora riproducibile – dichiara Perri – anche perché andranno individuati i marcatori cultivar specifici». Un approccio estremamente complesso, «anche perché gli oli si ottengono da olive ottenute da libera impollinazione e i frammenti di Dna a volte sono davvero esigui». Eppure, in un’ottica di tracciabilità trasparente e completa, la strada corretta sembra essere quella indicata dal direttore del CRA-Oli. Il Consiglio per la Ricerca e la sperimentazione in Agricoltura può contare su una struttura di 15 centri e 32 unità di ricerca; i progetti in corso sono attualmente oltre 430.

[ fonte: italyfood24.it ]

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
SCARPE DA GOLF PER LOTTO
2015-01-01
Image
Bando Regione Marche "Centri commerciali naturali"
2015-01-01
Image
Cresce del 19% l
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.