MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Dall

Scatta da oggi la rivoluzione nelle etichette dei prodotti alimentari della Ue. Un’operazione trasparenza voluta da Bruxelles ben tre anni fa ma che oggi alimentano polemiche e accuse: si parla di appesantimenti burocratici eccessivi, dubbi interpretativi ma soprattutto dei danni al made in Italy arrecati con con la volontarietà nell’indicare il sito di produzione. Per la Ue il problema non usiste ma il Governo italiano avrebbe dovuto attivarsi a Bruxelles per mantenere le regole nazionali. Nulla però impedisce che le aziende specifichino in etichetta che la produzione è stata realizzata nel nostro Paese.

In estrema sintesi, le novità introdotte dal Regolamento Cee 1169/2011, impongono: etichette più leggibili con scritte più grandi e più chiare; indicazioni sugli allergeni alimentari e sui tipi di grassi (tolleranza zero per generici “olio vegetale” o “grasso vegetale”); informazioni sulla provenienza delle carni suine, avicole, ovine e caprine, sul paese d’origine delle materie prime utilizzate e, per le congelate, la data di congelamento. Per i pesci si dovrà indicare il luogo di pesca.

Le norme Ue prevedono anche la tanto discussa volontarietà nell’indicazione del sito di produzione di un prodotto alimentare.

L'etichetta del bovino

L’etichetta del bovino

Fino a ieri obbligatoria per la legge italiana ma non da oggi per la Ue. Un danno per il made in Italy? Si doveva fare qualcosa in questi tre anni di transizione? Per alcuni si tratta di un danno enorme per il made in Italy: si lascia libertà di produrre in qualsiasi parte del mondo. Su questo fronte si schierano Asdomar, Sterilgarda, Caffè Vergnano, Pedon, Amica Chips insieme a Unes, Conad, Coop, Selex, Simply. E ieri alla Camera il Movimento 5 stelle ha presentato un’interpellanza urgente e una proposta di legge a sostegno del mantenimento dell’obbligo del sito di produzione in etichetta.

Da Bruxelles il responsabile degli affari europei di Federalimentare Paolo Patruno spiega che almeno un Governo italiano, di quelli che si sono avvicendati nell’ultimo triennio, “avrebbe dovuto chiedere e ottenere il permesso di mantenere la sua normativa nazionale. Questo non è stato fatto per varie ragioni, ma nulla vieta alle imprese di mantenere l’indicazione dello stabilimento di produzione sulle confezioni”.

 

[fonte: emanuelescarci.blog.ilsole24ore.com]

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Alimentare: anche in Umbria Coldiretti si mobilita per Made in Italy
2015-01-01
Image
MARMOMACC, IN PRIMO TRIMESTRE 2011 SEGNO POSITIVO PER IL MADE IN ITALY
2015-01-01
Image
Il falso Made in Italy mette in crisi l'agricoltura
2015-01-01
Image
PREMIO RAFFAELLO 2011: ANCORA POCHI GIORNI PER ESPRIMERE LE CANDIDATURE
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.