MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-06-17

Shopping mondiale del lusso: l'80% compra se è Made in Italy

Il settore del lusso ha di fronte a sé un’altra decade di crescita. A patto di investire su autenticità, trasparenza delle produzioni e digitale. «La frenata del motore asiatico trasformerà la corsa degli ultimi 15 anni in una camminata a passo molto veloce: sarà una crescita basata per il 70% sullo sviluppo organico e solo per il 30% su nuovi negozi, mentre negli ultimi dieci anni le percentuali erano pressoché invertite. Ma sempre di crescita si tratterà».

Antonio Achille, partner e managing director di Boston Consulting Group (Bcg), ha aperto i lavori del 7° Luxury Summit del Sole 24 Ore con questa iniezione di ottimismo. Dal 2008 al 2014 il Cagr del mercato dei beni di lusso è stato infatti del 5% (con punte del 9% per alcuni settori) e da qui al 2015 si prevede un tasso del 4-5%. «Il tema del retail è stato al centro delle strategie di tutti i marchi, sia per i mercati tradizionali (Europa, Stati Uniti e Giappone) sia per quelli emergenti. Ora è tempo di cambiare, dati alla mano – ha sottolineato Achille –. In un negozio di via Monte Napoleone di 200 metri quadri, ad esempio, dal 2005 al 2013 gli ingressi sono passati da 57mila all’anno a 48mila e i clienti veri e propri da 8 a 7mila. È aumentato lo scontrino medio, certo, da 500 a 700 euro, ma l’affitto è cresciuto di più, passando da 5.500 euro al metro quadro all’anno a 8.500 euro».

Sono altri quindi i fronti sui quali lavorare, per costruire una relazione più solida con il consumatore, che tra l’altro sempre più spesso si informa o compra online e vuole sapere tutto sull’origine dei prodotti. «Abbiamo condotto uno studio su 10mila consumatori del lusso in 10 Paesi, da cui emerge che l’81% dei clienti di alta gamma nel mondo verifica il “made in”. La percentuale è ancora più alta, dell’87% ,nei mercati emergenti di Cina, Brasile, Corea e Medio Oriente». Non solo, dal sondaggio Bcg emerge anche che il “made in Italy” è la migliore garanzia di lusso per abbigliamento, accessori e gioielli, mentre il “made in France” si piazza al secondo posto. Solo negli orologi i clienti globali del lusso considerando il “made in Swiss” una garanzia ancora maggiore rispetto al made in Italy.

Achille ha parlato dell’apparente paradosso tra necessità di crescita – anche per brand o aziende che hanno già dimensioni ragguardevoli, da 500 milioni di euro in su – e mantenimento di un’aura di esclusività. «L’unica strada è investire su qualità e artigianalità, persino quando si devono fare grandi numeri, perché sono queste le parole più citate quando chiediamo ai consumatori cosa significhi per loro lusso».

Altro tema centrale per i prossimi anni è il percorso che porta a scegliere un marchio, sempre più influenzato dal mondo digitale e in particolare da social media e blog. «In soli 12 mesi c’è stato un cambiamento molto significativo – ha spiegato Achille –. Nel 2013 il 50% dei clienti decideva cosa comprare dopo aver sfogliato una rivista più o meno specializzata o un magazine , mentre il 43% delle scelte erano influenzate dal passaparola. Nel 2014 le percentuali sono molto cambiate: il passaparola è salito al 49%, i magazine sono scesi al 39%. Ma dobbiamo intenderci sull’idea di passaparola: quel 49% è la somma di un 29% nel mondo fisico e di un 20% in quello virtuale».

Tornando alla distribuzione, i dati Bcg mostrano come già nel 2014 il negozio fisico non sia più il primo canale di vendita: è stato scelto solo nel 38% dei casi. Il restante 62% ha adottato un approccio “misto”: il 45% «ha fatto ricerche online e comperato offline», il 9% ha fatto «showrooming» (provare in negozio, comprare online) e l’8% ha cercato e comprato online. Last but not least – visto che la Cina ha rallentato ma resterà il motore a lungo termine del mercato del lusso – Boston Consulting Group invita a considerare che la distribuzione omnichannel è importante per il 75% dei clienti del lusso a livello mondiale, con un picco del 90% tra i consumatori cinesi.

 [fonte: ilsole24ore.com]

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
FALSO MADE IN ITALY: L'IRA DEI MOBILIERI
2015-01-01
Image
IL MADE IN ITALY RIALZA LA TESTA
2015-01-01
Image
Contraffazione, passi avanti in Europa anche grazie all
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.