MadeinItaly.org\Osservatorio -
2018-12-06

La solitudine dell’impresa: aumentano le chiusure, ma nessuno se ne preoccupa

«Non conosco nessuno che stia investendo». Edoardo Nesi, scrittore pratese, ha creato la figura di Ivo Barrocciai che ritorna più volte nei suoi libri e gli serve per raccontare i fasti ma anche la solitudine del mestiere di imprenditore. «Quelli che conoscevo io, a fine serata restavano a guardare i loro macchinari con un senso di orgoglio, vedevano una costruzione che funzionava grazie ma anche senza di loro. Ecco questa figura si va perdendo. C’era la sensazione di contribuire a un sistema sociale e oggi non più». Secondo Nesi l’imprenditore medio nella stagione del populismo vive dentro un’incertezza totale, ha persino paura di dire come faceva una volta, «noi si sostiene 50 famiglie». Ma come si è originata questa situazione? La spiegazione più semplice sta nella grande discontinuità rappresentata dal populismo e dall’arrivo di Luigi Di Maio sulla doppia poltrona dello Sviluppo economico e del Lavoro. Se i 5 Stelle avevano creato le premesse del loro straordinario successo sostanzialmente sull’antipolitica e sulla critica violenta della Casta, con lo sbarco al governo la ricerca del capro espiatorio si è spostata e nel mirino sono entrati gli imprenditori. Come se il populismo di governo avesse bisogno di tanti Malaussène (il personaggio frutto della fantasia di Daniel Pennac, ndr) e li abbia trovati. Certo il crollo del ponte Morandi ha in qualche modo amplificato quest’operazione e le feroci polemiche contro la società Autostrade sono state un format che ha visto varie repliche. L’ultima ha avuto come bersaglio le agenzie private del lavoro inchiodate al muro con l’accusa di incarnare «il nuovo caporalato». La parola chiave del racconto di Di Maio è diventata «prenditori» per indicare un imprenditore che sfrutta, vuole delocalizzare, famelico di incentivi pubblici. E comunque visto che l’offensiva del bi-ministro è iniziata con il tavolo dei rider possiamo già stilare un primo bilancio: non si è concluso niente di concreto per regolare prestazioni e diritti dei ciclofattorini e nel frattempo però uno dei maggiori player del settore, la tedesca Foodora, ha fatto quello che aveva minacciato: ha venduto e se ne è andata dall’Italia.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
A LUGLIO SFILATE ROMANE
2015-01-01
Image
I nuovi ricchi, opportunità per il made in Italy
2015-01-01
Image
Gli 007 italiani avvertono il Parlamento: Made in Italy a rischio colonizzazione
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.