MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Made in Italy: Coldiretti, da Parmalat a Gancia continua la "fuga"

''Dopo che all'inizio del 2011 era avvenuta la cessione della Parmalat al gruppo francese Lactalis con questa operazione di fine anno l'agroalimentare italiano si conferma ancora una volta un'appetibile terra di conquista per gli stranieri''. E' quanto afferma Coldiretti in riferimento alla acquisizione da parte della Russian Standard Corporation, societa' russa leader nella produzione di vodka di alta gamma, del 70 per cento di Gancia spa, la storica casa piemontese produttrice di spumanti.

''Negli altri scorsi - sottolinea l'organizzazione agricola - erano finiti all'estero altri importanti marchi della dieta mediterranea Made in Italy come Bertolli, Carapelli e Sasso nell'olio di oliva, che sono ora di proprieta' degli Spagnoli del gruppo Sos. E ancora nel tempo erano diventati di proprieta' straniera la pasta Buitoni e i cioccolatini Perugina, ma anche i formaggi Galbani, Cademartori e Locatelli diventati di proprieta' della francese Lactalis. Non mancano pero' segnali in positivo come il ritorno in Italia della i dolci della Motta che sono stati acquisiti dalla Bauli. Si tratta di una tendenza che fa temere per la delocalizzazione in un settore dove la qualita' e il valore aggiunto della produzione agricola italiana ha consentito ai grandi marchi di raggiungere traguardi prestigiosi. Con un aumento record del 41 per cento nelle esportazioni di bottiglie di spumante la Russia si classifica al quarto posto tra i principali consumatori delle bollicine italiane, dopo Germania, Stati Uniti e Regno Unito, secondo una analisi Coldiretti su dati relativi ai primi nove mesi dell'anno''.

''Si stima che a fine anno saranno almeno 25 milioni le bottiglie di spumante italiano consumate in Russia dove particolarmente apprezzati sono il Prosecco e l'Asti. La Russia - conclude la Coldiretti - e' tra i grandi paesi quello in cui si e' verificato il maggior incremento delle vendite di spumante italiano le cui esportazioni sono aumentate nel mondo del 25 per cento per effetto di un incremento del 33 per cento negli Usa, del 7 per cento in Germania e del 24 in Inghilterra''.

Fonte: Asca

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Made in Italy: il 70% dell'export è prodotto dalle piccole e medie imprese
2015-01-01
Image
Dall'Italia agli Usa, storie di imprese a San Francisco
2015-01-01
Image
Made in Italy: appello di 2, 215 comuni, "difendere il marchio"
2015-01-01
Image
ITALIA ALL'AVANGUARDIA GRAZIE ALL'ECO-ETICHETTA
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.