MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

L'Africa è il nuovo Eldorado degli investimenti, con i cinesi in prima linea

“Dall’Africa viene sempre qualcosa di nuovo” scriveva Plinio il Vecchio più di 2000 anni fa, riferendosi a quella che per i romani era considerata l'Africa, ovvero le prosperose regioni del Nord bagnate dal mediterraneo. L’Africa sub-sahariana è sempre rimasta, invece, una terra misteriosa, sia ai tempi di Plinio quando veniva indicata sulle carte geografiche con l’epiteto “hic sunt leones” (laggiù abitano i leoni), sia in tempi più recenti dove l'occidentale ha provato prima a esplorarla, poi, in preda a furia positivista, a civilizzarla con la schiavitù e la conquista e infine ha rifiutato di comprenderla accostandola in modo semplicistico all’immagine di un bambino malnutrito o di uno scontro a fuoco nella polvere.

Ma dall’Africa arriva sempre qualcosa di nuovo e le regioni a Sud del deserto più grande del mondo rappresentano un opprtunità economica unica e imprescindibile nel medio periodo, per le imprese italiane che desiderano aumentare il proprio giro di affari. A rivelarlo è una recente lettera pubblicata dal Club Ambrosetti dal titolo “L’Africa da continente dimenticato a nuova frontiera” in cui è presente un analisi geopolitca ed economica che evidenzia la grande importanza strategica dell’immensa regione. Secondo quanto emerge dallo studio un investimento ben ponderato e pianificato potrebbe portare in tempi brevissimi, 1 o 2 anni, a imporsi come leader nel mercato locale. Sembrano finiti i tempi in cui gli investimenti stranieri erano per lo più concentrati nel campo dell’estrazionedelle materie prime. Da dicei anni a questa parte l’Africa sub-Sahariana è cresciuta ad un tasso annuo superiore al 5%. Ed è stimato che nei prossimi 50 anni sarà l’area di maggior crescita a livello mondiale, oltre ad essere l’unica parte del mondo che vivrà un vero e proprio boom demografico.

In molti paesi le istituzioni si stanno rafforzando, la stabilità politica sta aumentando ed è previsto che la classe media, un potenziale mercato di 250 milioni di persone che già sta emergendo con le sue peculiari caratteristiche di consumo nei grandi centri urbani, costituirà una base solida per lìinvestimento in questi paesi. Lo studio individua 14 economie ad alto potenziale, in cui esiste la possibilità concreta di arrivare in certi mercati come primo entrante. In questi paesi, classificati per grandezza del Pil, tasso di crescita annua e diversificazione delle esportazione come indice del grado di maturità dell’economia. Potenzialità per investimenti sono presenti in tutti i settori, alla costruzione di infrastrutture, dalla produzione di beni di consumo retail, alla grande distribuzione, fino alle produzioni innovative ad alto sviluppo tecnologico.

Il potenziale dell’Africa non è passato però inosservato. In prima linea ci sono i cinesi, che hanno intravisto nella culla dell’umanità la nuova frontiera per estendere la loro influenza economica e politica. La Cina è attualmente il primo partner commerciale del continente con il 14% degli scambi commerciali totali, aumentati del 700% negli ultimi 10 anni. Lo spazio per gli investimenti resta tuttavia molto ampio e sarà compito delle imprese italiane cogliere l'affare al balzo.

Fonte: Firstonline.info

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
VINO: COLDIRETTI, MADE IN ITALY TEME PIU' INGANNI DELLA CRISI
2015-01-01
Image
La detassazione per il settore delle imprese tessili
2015-01-01
Image
Crescita ed eccellenza in Italia sono punite, imprese sane a rischio estinzione
2015-01-01
Image
ARCHILAB: HOTEL DEL L'EUROPE
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.