MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Macchine e robot, il Made in Italy che cresce

Chissà che effetto farà ai tedeschi entrare negli stabilimenti di Volkswagen e vedere che di frequente le macchine utensili adoperate per lavorare motori e carrozzerie sono Made in Italy. Ma succede pure questo: succede che mentre in Italia galoppa la de-industrializzazione, ci sono tante e tante imprese che in questi anni di tragica crisi hanno trovato nuova fortuna per le vie del mondo. Secondo le statistiche di Ucimu infatti, che raggruppa in Confindustria i produttori di macchine utensili, automazione e robotica, i valori della produzione sono saliti dai 4,1 miliardi del 2009 ai 4,93 miliardi dello scorso anno. Nel medesimo periodo, le esportazioni sono lievitate da 2,5 a 3,65 miliardi e l’incidenza dell’export ha raggiunto il 75% sul totale delle vendite. Numeri che contengono un vaticinio, una sorta di profezia non da malati dell’oroscopo: chi investe in macchine utensili formula un’opzione sul futuro, poiché assume un costo importante i cui benefici emergeranno solo nel tempo.

I dati di Ucimu, dunque, contengono un indicatore congiunturale e insieme psicologico dei committenti, oltre che ovviamente la capacità imprenditoriale espressa dalle aziende del settore. «Siamo orgogliosi di essere italiani e di poter dire che all’estero siamo rispettati non solo per moda, pasta e Ferrari. Lottiamo contro i nostri concorrenti e principalmente contro i tedeschi come fossimo a Stalingrado, anche in una annata come questa che riscontra un rallentamento generale financo in Cina. Ma nonostante tutto siamo convinti di farcela», commenta Luigi Galdabini, 55 anni, che di Ucimu è presidente.

Innovazione e internazionalizzazione. Sono le due parolechiave che ricorrono nelle esperienze degli imprenditori e dei report di settore, a spiegare le algide statistiche. Potremmo forse dire che i produttori di macchine utensili sono dentro a un flusso che pretende innovazione. Se il prodotto è storicamente di ottima tecnologia, pur tuttavia necessita di essere rinnovato continuamente. E in questo senso, uno stimolo costante viene dai fornitori di pc, sensori, motori, software, parti meccaniche. La componentistica evolve e spinge all’evoluzione chi progetta e costruisce la macchina completa. Ma la spinta principale e essenziale sta nella attitudine di ascolto, in qualche modo sartoriale e artigianale, che il produttore di macchine utensili e robot ha nei riguardi del cliente. Il cliente esprime una esigenza, che ha a che fare con la sua specifica attività.

[...]

Oggi le macchine sono quasi allineate per fatturato al pre-crisi, la componentistica sta a +30%. E siccome il rapporto tra margine operativo lordo e ricavi è al 18%, non sorprende che un partner finanziario come Aksia (un private equity milanese che dispone anche di un fondo di investimento e di una sgr) abbia rilevato una quota nell’ambito di un passaggio generazionale. «La voglia di combattere non è venuta meno - dice Fabrizio Rosa, amministratore delegato di Rosa Sistemi - Ma al governo chiediamo che faccia ripartire gli investimenti e la voglia di fare agli imprenditori, che sono in gran parte demoralizzati. Penso in particolare alla leva fiscale, a ammortamenti ridotti o una fiscalità del leasing meno punitiva, alla riduzione dell’Irap ». A proposito di governo, Galdabini esprime una conclusione amara: «Avremmo voluto un governo, quale che fosse. Nessuno voleva questa situazione di paralisi. E a tutte le parti chiediamo di essere responsabili e di pensare che siamo un grande paese, non un cortile».

[repubblica.it]

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
MADE IN ITALY: URSO, STOP DELLA UE. VERSO RINVIO LEGGE
2015-01-01
Image
Coldiretti: "Attuare legge salva olio Made in Italy"
2015-01-01
Image
Taranto: 11 novembre, convegno su "Innovazione e sviluppo delle imprese agroalimentari dell'area jonica"
2015-01-01
Image
Olio d´oliva, la proposta Ue che affossa il Made in Italy: 70mila tonnellate dalla Tunisia senza dazi doganali
2015-11-16
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.