MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Salone gusto, il made in Italy abbraccia il cibo del mondo

Un Salone del gusto sempre piu' internazionale, una Terra Madre che si apre al mondo, facendo incontrare le Comunita' del cibo con il pubblico, per la prima volta da quando la rete mondiale e' stata creata da Slow Food. ''E' la chiusura del cerchio, un punto di arrivo ma anche di partenza verso un evento di respiro sempre piu' ampio'', sintetizza Carlin Petrini, il fondatore di Slow Food.

Il doppio evento, organizzato con la Regione Piemonte e la Citta' di Torino, da quest'anno sara' unito in un'unica manifestazione aperta alla visita anche per la parte che riguarda i piccoli allevatori, contandini, pescatori che ogni anni arrivano in Piemonte da ogni angolo del Pianeta. A nove giorni dalla cerimonia inaugurale, il pomeriggio del 24 ottobre al PalaOlimpico di Torino, con la presenza del segretario generale della Fao, si limano gli ultimi dettagli di una rassegna che sfida la crisi senza mostrare rughe, anche se l'ultimo responso sara' quello del pubblico. ''L'eccellenza dell'enogastronomia del made in Italy - spiega Petrini - viene affiancata dagli alimenti della tradizione prodotti dalle comunita' di Terra Madre e dai loro protagonisti che saranno orgogliosi di presentarli alla gente. La possibilita' di spiegare come producono, come vivono e come sono le loro terre e' un elemento fondamentale dell'edizione 2012. Il pubblico potra' fare un viaggio nel mondo senza fare tanti chilometri''. ''Fino ad ora - aggiunge Petrini per spiegare il passaggio - il Salone del gusto e' stato 95% Italia, 5% resto del mondo, questa volta il rapporto sara' 85%-15%, ma c'e' spazio per arrivare in futuro a 50-50''.

I coltivatori di Terra Madre saranno assistiti di volontari dell'organizzazione, ''ma per molti di loro non ce ne sarebbe bisogno - aggiunge Petrini - perche' ormai vengono a Torino ogni due anni dal 2004, quando si e' tenuta la prima edizione dell'incontro mondiale. E ormai quasi ovunque riconoscono in Torino una capitale mondiale della gastronomia''. Durante la rassegna torinese (Lingotto Fiere-Oval, dal 25 al 29 ottobre) si terra' anche il congresso internazionale di Slow Food, cinque anni dopo l'ultima assise a Puebla: ''Da allora - sottolinea Petrini - tutto e' mutato, travolto dallo tsunami di una crisi che non e' ancora finita. Al congresso ci saranno delegati di 86 paesi e si capira' quanto e' cambiato in cinque anni Slow Food, che ora nessuno puo' piu' considerare un movimento di appassionati del cibo di paesi ricchi. Come nessuno - aggiunge Petrini - puo' piu' pensare che non sia necessario un profondo cambiamento della Pac (Politica Agricola Comune, ndr).

Il congresso ribadira' che un nuovo rapporto tra uomo e natura e' il paradigma per uscire dalla crisi. Perche', volenti o nolenti, anche se qualcuno fatica ancora a capirlo, si esce dalla crisi solo se la 'nuova economia' partira' da un approccio diverso e piu' responsabile dei temi che riguardano l'alimentazione, l'agricoltura e la trasformazione dei prodotti''.

FONTE: ANSA.IT

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
INTERNAZIONALIZZAZIONE: AD OTTOBRE IN SICILIA SESSIONE TASK FORCE ITALO-RUSSA
2015-01-01
Image
MADE IN ITALY: CERVED, TESSILE E ABBIGLIAMENTO SOFFRONO LA MECCANICA TIENE
2015-01-01
Image
Rinasce in Veneto la via della seta
2015-01-01
Image
LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE: MULTE E 6 ANNI DI CARCERE
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.