OSSERVATORIO MADE IN

Martedì, 26 Gennaio, 2021

Made in (Italy)

Notizia del 17/03/2014

Con tutta evidenza è stata una boutade giornalistica, ma l’idea di un “Ministero del Brand Italia” nel nascente governo Renzi ha solleticato la nostra fantasia per alcuni giorni.

 

Un Ministero che accorpasse agricoltura, cultura e turismo sarebbe stata una scommessa epocale per il nostro Paese e l’avvio di un progetto sistematico rispetto a settori che potrebbero costituire il motore dell’economia nazionale.

 

Certo, non sarebbe stato un fulmine a ciel sereno: è di pochi giorni fa la notiziadell’approvazione, nel corso del Consiglio dei Ministri del 31 gennaio, del Ddl 1061 che proponel’istituzione del marchio “Italian Quality”, un marchio per il Made in Italy agroalimentare, che – nelle parole dei parlamentari che hanno firmato il progetto – “contribuirà a rendere più semplice per i consumatori di tutto il mondo il riconoscimento dei prodotti autenticamente italiani”.

 

Insomma: i tempi sembravano (finalmente) maturi perché anche la politica si convincesse della centralità della questione. Ma forse anche questa volta si dovrà rimandare l’elaborazione di una strategia di lungo periodo per accontentarsi di provvedimenti tampone e progetti di corto respiro.

 

Made in Italy, nonostante tutto

 

E sarà, ancora una volta, un’occasione sprecata. Perché il valore di un brand non è importante solo per i grandi marchi commerciali (da Apple a Nike): la reputazione, la qualità percepita, la desiderabilità sono concetti che si applicano anche a Paesi interi e li rendono forti nella competizione internazionale.

 

Se pensiamo che, nonostante tutto, il “Made in Italy” è il terzo brand più conosciuto al mondo (secondo solo a Coca Cola e Visa) e che tra il 2006 e il 2010 la ricerca online dei termini legati al “Made in Italy” è cresciuta del 153%, ci rendiamo conto come il nostro Paese abbia un tesoro inestimabile tra le mani. Da difendere, ma anche da valorizzare.

 

“Made In”, perché conta?

 

Non siamo certo i primi a dirlo. Quel che conta, piuttosto, è che da qualche giorno a sottolinearlo c’è anche un rapporto dell’influente FutureBrand (la stessa agenzia, per intenderci, che pubblica il “Country Brand Index”) dedicato appunto al tema del “Made In”, che se ci fosse ancora bisogno evidenzia come il brand di un Paese– definito come “la reputazione di un Paese nella sua influenza sulle scelte d’acquisto” – è una formidabile leva per la sua economia in termini di export, di investimenti stranieri, di attrattività turistica.

 

Buona parte dello studio è dedicato, come nella tradizione di FutureBrand, a stilare classifiche: qui l’Italia si difende dignitosamente, senza eccellere. Complessivamente al quinto posto, è seconda nel settore “Cibo e bevande” e “Moda”, terza nei prodotti “Lusso”, nelle posizioni di rincalzo nelle altre categorie (dai prodotti tecnologici alle automobili).

 

Il successo chiavi in mano

 

Quel che qui ci interessa, oltre alla posizione in classifica, sono altri aspetti che emergono dallo studio. Uno, in particolare, salta agli occhi: l’Italia ha davvero tutto per essere “il” brand a livello mondiale.

 

FutureBrand individua quattro chiavi per spalancare le porte del successo internazionale a un brand:

 

autenticità – la capacità di produrre beni e servizi con standard qualitativi unici che possono essere collegati alla storia e alla cultura del Paese,

 

differenziazione – la capacità di dimostrare differenze con i competitori in termini di approccio, cultura e tradizione,

 

standard di qualità – la capacità di mostrare attenzione alla qualità, alla sicurezza delle materie prima, all’eccellenza,

 

tradizione – essere identificati come i “migliori” in una categoria, avendola inventata o comunque contribuito a definirne gli standard.

 

Non so a voi, ma a noi sembra di leggere la descrizione del nostro Paese – o di quello che potrebbe e dovrebbe essere: qualità, unicità, tradizione e cultura non sono forse le leve sulle quali da più parti si dice essere necessario puntare?

Fonte: babelemagazine.com

  Versione Stampa   Invia  
23.12.2014 - Report Va di lusso
18.12.2014 - Esportare la Dolce Vita, Calenda: 200mln per investimenti nel Made in Italy
17.12.2014 - Il Made in Italy ha perso 300 milioni con embargo Russia e tonfo rublo
17.12.2014 - Made in Italy sotto attacco: una guida per scegliere il cibo nell'era delle etichette "mute"
17.12.2014 - Il Made in Italy? Non solo lusso e gusto
16.12.2014 - Natale, lo shopping online dall'estero sostiene il Made in Italy
16.12.2014 - Dall
02.12.2014 - Indagine sul Valore del Made in Italy nel settore Meccanica
14.11.2014 - Della Valle: Sconti fiscali al 100% Made in Italy
03.11.2014 - Report del 02/11/2014
30.10.2014 - Fondazione Altagamma: con Larte porta l
29.10.2014 - Così la legge aiuta i falsari del Made in Italy
07.10.2014 - Rilancio dell'Occupazione
06.10.2014 - Le balle di Renzi sul Lavoro
24.09.2014 - Sequestrati 8.060 falsi giubbotti Made in Italy
26.06.2014 - Da Pitti Uomo: Xarifa
12.06.2014 - Falso
09.05.2014 - Piccola Lamentela
22.04.2014 - Shanghai, operai in sciopero: grandi marchi verso la paralisi
22.04.2014 - Coldiretti: "Attuare legge salva olio Made in Italy"
07.04.2014 - Falso made in Italy, sequestro Gdf
07.04.2014 - I consumi di vino crollano ai minimi dal 1861
07.04.2014 - Export, la Russia trascina il made in Italy nel mondo
17.03.2014 - Scale mobili al posto delle scalette della morte?...Ecco come rovinare il centro storico e buttare via 800.000
17.03.2014 - Si parla di Made in Italy, ma l
17.03.2014 - Made in (Italy)
28.02.2014 - Nutella made in Italy: nocciole turche, olio dalla Malesia e zucchero brasiliano
27.01.2014 - New York Times: Suicidio del extra vergine, l'adulterazione dell'olio d'oliva italiano.
10.01.2014 - Coldiretti al Sindaco Piva: fare squadra
10.01.2014 - Made in Italy, Veneto: tutela prodotti doc anche all'estero
10.01.2014 - Renzi apre Pitti Uomo:
Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info