OSSERVATORIO MADE IN

Mercoledì, 16 Ottobre, 2019

Quello che le etichette non dicono - Delocalizzazione e Made in Italy

Notizia del 15/10/2015

Dicono che la bellezza stia negli occhi di chi guarda. E forse questo vale per tutto, anche per la malizia. Così davanti ad una domanda innocua come “che cos’hai addosso oggi?” potreste lanciarvi nella descrizione dei dettagli più intimi.

Oppure potreste guardarvi attentamente e decidere di scoprirlo sul serio.

Le etichette, croce e delizia
Che cosa hai addosso oggi? Una maglietta? Un pantalone? Un jeans? E di che tessuto? Prodotto dove? Da chi? Nella società occidentale contemporanea, dove spesso l’abito fa il monaco, potreste rimanere sorpresi nello scoprirvi ignari di ciò che indossate, che sfoggiate, che scegliete per rappresentarvi.

I più attenti le leggono accuratamente. Le mamme le consultano per ricavarne indicazioni per il lavaggio e lo stiraggio. Alcuni le ignorano e basta. Altri, insofferenti, le tagliano prima che possano cominciare a pungere, prudere, infastidire. Sono le etichette, croce e delizia. Minuscole, chilometriche, morbide o rigidissime. In ogni caso irrinunciabili.
fashion-clothes-hanger-clothes-rack-clothing
Diritti del consumatore: cosa deve riportare l’etichetta?

Il Codice del Consumo stabilisce che siano obbligatorie su tutti i prodotti tessili, ed è un obbligo che parte da una serie di diritti: quelli del consumatore. Il diritto alla tutela della salute, prima di tutto. E poi quello alla sicurezza, alla qualità dei prodotti ed ad una adeguata informazione. È per questo che sulle etichette devono essere riportati marchio, composizione del tessuto – tutti i materiali di cui è costituito con relative percentuali – e Paese d’origine, se situato al di fuori dell’Unione Europea.

Capire di che materiale è la t-shirt che stiamo indossando è insomma cosa relativamente semplice: basta consultare l’etichetta. Ciò che risulta più problematico è invece risalire al suo luogo di produzione: spesso infatti le industrie dell’abbigliamento scelgono di eseguire le varie operazioni in diversi Paesi.
L’origine del prodotto: una questione controversa

Secondo la Comunità Europea, il Paese originario deve essere considerato quello dove è avvenuta l’ultima lavorazione sostanziale. Per intenderci, il luogo in cui il capo d’abbigliamento è stato effettivamente confezionato. Il vero problema, però, è un altro: il nuovo Regolamento dell’UE entrato in vigore nel 2012 ha infatti deciso di non rendere obbligatorio sulle etichette il luogo d’origine. Niente più “Made in”, quindi. La ragione? Ufficialmente è la paura che l’indicazione del Paese di provenienza possa creare un pregiudizio nel consumatore e che questo ostacoli la libera circolazione delle merci. In parole povere: e se nessuno comprasse più il Made in China per preferire il Made in Italy?
blue-pattern-texture-macro
La partita tra prezzo e qualità
Abituati ad una dilagante esterofilia, dimentichiamo spesso i primati nostrani: quello nel settore della moda è in assoluto il più importante. Famosi in tutto il mondo, gli abiti italiani sono universalmente apprezzati: Made in Italy è sinonimo di originalità, attenzione al dettaglio e qualità. Una qualità che passa spesso per particolari rigorosamente curati a mano.

Ironicamente è proprio il costo della manodopera a spingere le aziende a trasferire la produzione nei paesi dell’Europa orientale e del sud-est asiatico. Trattandosi di zone povere, qui il salario minimo legale è notevolmente più basso che in Italia. Ma c’è di più: spesso lo stipendio dei lavoratori è al di sotto anche del salario minimo dignitoso. Sottopagati, costretti a lavorare tante ore di fila in condizioni stremanti, sfruttati, vittime – le donne – di molestie sessuali: sono queste le condizioni di chi lavora nel settore tessile.
businessman-fashion-suit-jacket
Il prezzo da pagare è quello della fiducia
Delocalizzare significa abbassare i prezzi di produzione e massimizzare il guadagno. La conseguenza è che se il prodotto mantiene più o meno alto lo standard qualitativo, lo fa a spese dei lavoratori.

E al consumatore cosa resta? Stabilire l’obbligo di indicare sull’etichetta il Paese di origine significa rendere il consumatore consapevole: significa permettergli di conoscere dove un indumento è stato prodotto, da chi, con quale cura e attenzione. L’impatto sulle condizioni di lavoro potrebbe essere sorprendente: il solo fatto di dover dichiarare di lavorare in luoghi dove vigono salari minimi bassissimi potrebbe innescare un circolo virtuoso e invogliare le aziende a fare meglio. Certo, almeno nel breve periodo, l’impatto economico sulle multinazionali sarebbe oneroso: non è quindi difficile immaginare la pressione esercitata sulla Comunità Europea impegnata a stabilire regolamenti.

La lotta, in fin dei conti, non è mai quella tra Made in China e Made in Italy, ma tra interessi aziendali e interessi dei consumatori. E a pagarne il prezzo, forse, sono entrambi: il cittadino ne perde in consapevolezza, ma le aziende si giocano la fiducia. E la fiducia, sul lungo periodo, paga. E anche bene.


[fonte: tasc.it]

  Versione Stampa   Invia  
17.12.2015 - IRAN Evento manifestazione a Teheran Aprile 2016
07.12.2015 - Un bando per le scuole per promuovere il Made in Italy
01.12.2015 - Made in Italy a caccia dei precari di talento (flessibili e poliglotti)
01.12.2015 - Altagamma a Montecitorio: «Alleanza pubblico-privato per far volare i consumi di lusso italiano nel mondo»
27.11.2015 - La rabbia dei clienti: "Banca Etruria salvata con i nostri risparmi"
20.11.2015 - Falso Made in Italy sui capi di lana, frode fiscale da 15 milioni di euro
18.11.2015 - E poi sono veramente i Cinesi ?... o sono italiani furbetti che sfruttano il basso costo della manodopera per importare i prodotti ed etichettarli "Made in Italy" ?
16.11.2015 - Olio d´oliva, la proposta Ue che affossa il Made in Italy: 70mila tonnellate dalla Tunisia senza dazi doganali
11.11.2015 - Torino, frode sull´olio d´oliva spacciato per extravergine: indagati 7 grandi marchi
10.11.2015 - La battaglia del latte: anche dalla Maremma in piazza contro il falso Made in Italy
03.11.2015 - Tasse, affari e vacanze: come si vive senza euro
02.11.2015 - Olio Made in Italy solo sulla carta l´antifrode ipotizza il cartello, Parlamento secreta il dossier, E il ministero tace
29.10.2015 - Un´altro Made in Italy, l´i-Tale e´ una macchina da export da 90 miliardi
29.10.2015 - 2016 Anno del Made in Italy - Il governo italiano, concentreremo tante risorse su una operazione strategica di informazione
15.10.2015 - Quello che le etichette non dicono - Delocalizzazione e Made in Italy
12.10.2015 - Nasce Botteghe Digitali, il reality dedicato al Made in Italy
12.10.2015 - Def risoluzione De Pin: tutelare Made in Italy e fermare delocalizzazione Aziende
09.10.2015 - Non mollare mai: gli auguri dei dipendenti Esselunga a Caprotti
07.10.2015 - LA FABBRICA DELLO SFRUTTAMENTO The Sweatshop
07.10.2015 - Pomodori cinesi MADE IN ITALY da noi no ma in Africa
06.10.2015 - La multinazionale Unilever, proprietaria di Algida, compra i gelati Grom
05.10.2015 - A Bruxelles in difesa del Made in Italy agroalimentare
02.10.2015 - Google premia i sei borghi gioiello del Made in Italy
02.10.2015 - COMPRARE CASA AD 1 SOLO EURO SI PUO
29.09.2015 - E ora che la guardia di finanza e la dogana applichi la legge 166 del 2009 e madein
25.09.2015 - STOP al Made in Italy clandestino Presidio di Agricoltori Padovani al Brennero
25.09.2015 - Banca Popolare Vicenza: Correntisti sospettano di essere stati rapinati dalla loro stessa banca
21.09.2015 - Il paese salvato dagli artigiani volontari delle antiche botteghe
31.08.2015 - Cina, Hangzhou: 1° Parco Eccellenze 100% Made in Italy
31.08.2015 - Concia e Made in Italy, una legge contro la contraffazione
05.08.2015 - Il fardello dimensionale che penalizza il Made in Italy
31.07.2015 - Obuv.it arriva alla sua XX-a edizione
15.07.2015 - Una speranza per l'export italiano: così si aggira l'embargo russo
15.07.2015 - Made in Italy, un patrimonio sottovalutato
13.07.2015 - Incontro tra produttori italiani e la distribuzione giapponese
10.07.2015 - Renzo Rosso: «Giovani, credete in voi stessi ed esprimete personalità»
10.07.2015 - Lorenzin: "Lotta alle frodi alimentari tutela salute e 'made in Italy'"
10.07.2015 - Olio comprato a 3
01.07.2015 - Il made in Italy delle Pmi seduce e dall
01.07.2015 - Per la mozzarella di bufala campana dop nel 2014 record di produzione
01.07.2015 - Formaggio senza latte fresco? Made in Italy a rischio Martina risponde all'Ue
01.07.2015 - Il futuro della creatività passa dal crowd funding Made in Italy
30.06.2015 - Cresce la voglia del Made in Italy, le ricerche Google segnano un +22% negli ultimi 3 anni
25.06.2015 - Muore suicida Egidio Maschio Colpo di fucile al petto in sala riunioni
23.06.2015 - Italia di gusto prende gli stranieri per la gola
17.06.2015 - Shopping mondiale del lusso: l'80% compra se è Made in Italy
12.06.2015 - TTIP solo con il riconoscimento del Made in Italy
05.06.2015 - I risultati dell'embargo alla Russia al tempo dell'Expo
03.06.2015 - E la storia continua...
27.05.2015 - Dazi in Cina: tagli del 50% su abbigliamento e calzature. Esclusi borse, orologi e gioielli
26.05.2015 - Obbligatorietà del "MADE IN" in Europa
19.05.2015 - Expo, i souvenir dell
19.05.2015 - Il made in Italy vola fuori dalla Ue: export +9,2% annuo, il surplus di marzo a 4 miliardi
14.05.2015 - I PRODUTTORI ED I DISTRIBUTORI DEVONO ESSERE CHIARI E TRASPARENTI NELL'IMMISSIONE DI PRODOTTI SUL MERCATO PENA SALATE MULTE DA PARTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO
14.05.2015 - Fate la rivoluzione con il carrello della spesa
13.05.2015 - Made in Italy: gli 8 marchi più importanti al mondo
13.05.2015 - Continua la svendita delle Aziende italiane all'estero
13.05.2015 - Il grande imbroglio nell'etichetta della carne
08.05.2015 - Dal Made in europeo escono design e gioielli
07.05.2015 - Qual'è lo standard per un prodotto per essere chiamato Made in USA senza riserve?
05.05.2015 - ENTRA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2017 LA NUOVA LEGGE DI PROTEZIONE DEL MADE IN SWITZERLAND
29.04.2015 - Scienziati russi stanno costruendo la "Torre di Tesla". Ecco cosa ci aspetta
27.04.2015 - Quando lo Stato è un parassita illiberale
24.04.2015 - Progetto Giappone
13.04.2015 - M5S contro McDonald's, stop a Expo dopo spot che offende pizza
26.03.2015 - L'export traina i distretti: pelletteria e calzature fiorentini in pole position
24.03.2015 - Made in Italy: pressione fiscale al 90%. Irpef sul reddito? Un'anomalia
24.03.2015 - Fondo Garanzia PMI: circolare MCC 663-2014, nuove disposizioni operative
24.03.2015 - Renzi si allea con Pechino e Roma cofonderà l
17.03.2015 - Presa Diretta: i gamberi che arrivano sulle nostre tavole sono di scarsa qualità e distruggono il Pianeta
10.03.2015 - Prospettive per l'Italia
09.03.2015 - La contraffazione alimentare e il Made in Italy - cosa c'è di vero in quel sacchetto!?
06.03.2015 - Produttori italiani ad Agorà - Rai 3
05.03.2015 - FILDA, Fiera Internazionale di Luanda (Angola) 21-26 Luglio 2015
05.03.2015 - Italian sounding
26.02.2015 - Rilancio e tutela delle Economie locali
26.02.2015 - Obuv.it
24.02.2015 - La finta patatina in busta...
23.02.2015 - A scuola di cibo Made in Italy
20.02.2015 - Germania - Matchmaking settore Agroalimentare
20.02.2015 - Divise militari made in China Truffa da milioni, in 12 a giudizio
20.02.2015 - Odezhda.it ITALIAN GLAMOUR & CHIC IN THE WORLD
18.02.2015 - Rilancio dell'Italia - Perugia
17.02.2015 - NO sanzioni alla Russia
16.02.2015 - Serracchiani visita la Roncadin: Il Made in Italy va difeso
12.02.2015 - Tomaie cucite all'estero, Made in Italy vietato
10.02.2015 - Made in Italy, arriva un "aiutino" da 261 milioni
06.02.2015 - Il Made in Italy made in 5 STELLE!
03.02.2015 - Chi certifica il 100% Made in Italy - TG3R
21.01.2015 - Rinasce in Veneto la via della seta
14.01.2015 - Vibac: l'azienda che scompare in Italia per riapparire in Serbia
03.01.2015 - Made in Italy dimenticato
03.01.2015 - Moda e tessile Made in Italy Il piano per tornare a correre
Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info